3 App per scrittori con l’iPad



Una volta c’erano penna e calamaio, poi sono arrivate le macchine da scrivere con i posacenere pieni di mozziconi di sigarette, poi ancora i pc con gli schermi a fosfori verdi e adesso abbiamo la scintillante tastiera dell’iPad.

Il dilemma è: con che app scriviamo?
Ve ne propongo tre, poi fate voi.

Simplenote: consente di segnarvi tutte le note e taggarle con le apposite etichette, cosa di vitale importanza se siete dei casinisti nati come il sottoscritto.

iAwrite: un look squisitamente minimale e un’ottima impostazione tipografica. L’idea di fondo è darvi tutto lo spazio per scrivere senza rotture di scatole. Apprezzabilissimo il fatto di avere pulsanti in più rispetto alla normale tastiera dell’iPad, finalmente possiamo riavere le frecce cursore che tanto ci hanno fatto compagnia durante i tempi del desktop.

Cleanwrite: segue la scuola della buona tipografia della app precedente, non aggiunge molto altro ma se volete cercare il font più appropriato per scrivere le vostre memorie con questa app potete farlo.

Sitemi di backup a confronto: Simplenote ha il pregio di essere multipiattaforma. I testi scritti sono fruibili e agilmente modificabili via browser, quindi se dimenticate a casa l’iPad potete fare un editing d’emergenza sul pc del vostro amico più vicino oppure utilizzare un fantastiglioso smartphone! Addirittura c’è la app ANCHE per Windowsphone7!

Le altre due applicazioni consentono l’esportazione su  Dropbox che è un’ottima soluzione per poter rimaneggiare i pezzi del romanzo autobiografico ed eventualmente farli leggere a Darden Tyler che vi correggerà (dicendovi che nella vita state sbagliando tutto).
Personalmente vi sconsiglio, non me ne vogliano gli amanti sfegatati della mela con la “A” maiuscola, di utilizzare iCloud con iAwrite: per quanto sia comodo salvare e sincronizzare con la tecnologia nativa Apple, non è possibile accedere ai vostri beneamati file txt.
Purtroppo né il sito icloud.com, né la simpatica iconcina del programma iCloud sulla taskbar vi daranno modo di downloadare i file scritti con iAwriter.

Insomma: senza l’iPad non avrete accesso ai vostri disneyani ricordi d’infanzia.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest