Aste al ribasso: ecco come funzionano



Per chi non lo sapesse le aste a ribasso sono proprio uno dei fenomeni più diffusi all’interno di internet nel 2008. Ne parlano in centinaia: siti web, blog, social network e molto altro. Tuttavia molta gente non “approfitta” del fenomeno perché sostiene che quest’ultime non siano altro che siti atti a ledere l’utente senza nessun beneficio per quest’ultimo: niente di più sbagliato. Tuttavia le aste a ribasso vanno analizzate con criterio visto che, alcune di loro, chiedono tuttavia per partecipare alle aste una somma di denaro simbolica di circa 2 euro (tramite gli estremi dell’account paypal).

Ma come funzionano le aste a ribasso? Il funzionamento è semplice ma un po’ articolato allo stesso tempo,visto che ad aggiudicarsi l’asta è la persona che fa l’offerta contemporaneamente unica e più bassa.

Come ho ben ribadito, esistono siti che propongono un pacchetto informativo per sapere a quale range si aggira il prezzo vincente e questo, come potete aver capito, costerà sempre un prezzo X per aggiudicarsi l’oggetto. Se come me non volete sentire parlare di spendere soldi allora fate come me: iscrivetevi gratuitamente a bid8.it.

Tramite il sito potrete facilmente fare offerta non coi soldi ma bensì con dei crediti (50 per 0,01 cent.) per aggiudicarvi il premio.

I crediti verranno accumulati tramite le azioni che compirete all’interno del sito come:

– rispondere ad un sondaggio che vi farà guadagnare 800 crediti ogni settimana.

– Inserire il vostro numero di cellulare per ricevere messaggi pubblicitari gratuiti (io l’ho fatto è solo a fini pubblicitari) e guadagnerete 500 crediti a settimana.

– Compiere altre azioni come cliccare su banner o installare Ad-Bidy che automatizzerà la pubblicità visualizzata guadagnando parecchi crediti.

In più bid8.it vi mette a disposizione un indizio per sapere il range vincente (oscilla generalmente di 20 euro).

Considerate che per aggiudicarvi un premio al 100% basterà semplicemente farsi due conti:

ogni puntata costi 50 crediti per un centesimo x 20 euro(range): 1 euro = 100 centesimi = 500 crediti = 1 euro.

1 euro = 5000 crediti = 100.0000 crediti = 20 euro di range.

Comprendete bene che ne servono tanti.. però con le giuste mosse potrete portarvi anche 1 oggetto gratis a casa ogni due settimane (con gli strumenti giusti e giocando col range) con poca fatica e con una percentuale molto alta di riuscita.

Per iscriversi al servizio dovrete seguire i seguenti passi:

– Andare sul sito.

– Una volta dentro basterà andare su “iscriviti” per andare al form di iscrizione.

– Inserire tutti i dati di turno come nome, password, email ecc. (non preoccupatevi per il codice fiscale visto che ,come ribadisce il sito, serve solamente per evitare il multi-account).

– Fatto! Una volta iscritti basterà semplicemente eseguire le operazioni per accumulare crediti e, una volta vinto (ve lo auguro!) aggiungere il proprio indirizzo e tutto arriverà tranquillamente.

In più come di consueto ho cercato su internet delle persone poco felici del servizio o persone che sostengono di non aver acquisito l’oggetto una volta vinto (sarebbe assurdo dopo l’immane fatica). E non ho trovato nessuno che asserisce di essere stato preso in giro dal sito. Anche perché quest’ultimo guadagna molto di più dell’oggetto “in regalo” grazie a tutti gli sponsor e ads presenti nel sito.In più la società è Italiana e non ha dati strani presenti all’interno del sito (se si mandano le e-mail per delucidazioni varie rispondo pure).

Per concludere… buon asta a tutti e incrociate le dita!

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • SpamKiller

    Ma questo non è un articolo.. è solo pubblicità! ..vedo che nei link hai messo il ref… si guadagna per ogni utente che fai iscrivere??.. ah no prob guadagni i crediti..

    Bravooo.. bravoooo!

  • dariowriter

    Mi sembra semplicemente un modo il tuo per fare polemica inutile.Comunque risponderò alla tuo commento/polemica in maniera tranquilla(e in italiano sperando che tu lo comprendeva visto il messaggio che hai lasciato).

    -In primis il post che ho scritto è un vero e proprio articolo:infatti,per chi non è a conoscenza delle aste a ribasso,credo sia una vera e propria guida all’utilizzo con schemi e tutto il resto.

    -In secundis se ho messo i referral,visto che sei tanto intelligente da non usarli,non è obbligatorio:infatti puoi benissimo usare un search engine(un motore di ricerca…mi capisci vero?) e vai direttamente alla home page senza variabili passate tramite URL.

    Non è pubblicità ho semplicimente messo i ref perchè del resto…non fanno del male a nessuno.

    Comunque ti consiglio di pensarci prima di “sputare sentenze”.

    P.S: ti piace zelig vero?.

  • SpamKiller

    Con la chicca di Zelig hai guadagnato punti ;).

    Il mio messaggio era volutamente polemico, ma vedo che hai risposto, e in modo educato: altri punti guadagnati.

    Il mio messaggio è scritto da cani, hai ragione, l’ho scritto di fretta: mea culpa!

    Però io non ti ho detto che sei un ignorante, quindi fai lo stesso anche te.

    Più che altro ho detto che sei furbo, è spiegato chiaramente lo schema di gioco ( che è poi la chiave di queste aste ),ma l’articolo non mi sembra oggettivo e parli del solo sito in cui sei iscritto te, se in più aggiungiamo i ref sembra chiaro che nn sia solo un caso.

    Era giusto l’approccio che mi pareva poco serio.

    Appena uscito il primo sito di aste on line ( http://www.bidplaza.it ) mi ero informato, anche per valutare se era pensabile sviluppare qualcosa di concorrente, ma sono stato fermato dal confine sottile che c’è tra queste aste e una lotteria ( che in italia sarebbe illegale se non gestita dallo stato ).

    Ah, dimenticavo, comunque non ho bisogno di dover passare da un motore di ricerca per togliere 10 caratteri ai tuoi link ;-).

  • dariowriter

    ti spiego subito il perchè ho citato solo bid8.it e non bidplaza:

    bidplaza è un sistema basato sugli introiti derivati dagli utenti per aquistare “info” e la possibilità di partecipare(circa 2 euro).Comprendi bene che a qualcuno potrebbe venire la voglia di cominciare a giocare pensando di “trarre profitto” da essa solo per vincere dei premi. Inoltre a qualcuno potrebbe scattare la molla del “più investo più ho possibilità di vincere”.A seguito di questo a qualcuno potrebbe venir in mente di giocare più di 50 euro per vincere un premio che ne costa 80(vedi che è successo).

    Con Bid8 non spendi manco un centesimo e hai la possibilità di aggiudicarti un premio proprio tramite l’acquisizioni di crediti non derivati da denaro vero.

    Effettivamente il funzionamento di bidplaza e il suo modo d’operare è totalmente da scartare visto che assomiglia terribilmente ad un sistema a lotteria(con 2 euro partecipi alla lotteria tipo gratta e vinci).Cosa assolutamente illegale come hai menzionato tu.

    per quanto riguarda il link: effettivamente puoi anche togliere dal URL i 10 caratteri come hai detto:non cambia proprio nulla,alla fin fine è una scelta e non voglio assoluamente obbligare nessuno col ref.

  • SpamKiller

    Vedi, adesso con i nostri commenti l’articolo è ancora più completo!

    Ciao e alla prossima

Pinterest