Allegati fino a 200 MB con la PEC



La condivisione dei file è un argomento che ancora oggi riveste notevole interesse nel mondo informatico.

L’informatica sembra oggi una scienza matura e la gestione dei file è stata interpretata dell aziende informatiche in mille modi, ma rimangono ancora oggi degli aspetti che non hanno trovato una risposta tecnica efficace.

Molto spesso a casa e in ufficio per la condivisione dei file usiamo la “chiavetta” perchè la rete non funziona oppure, se non c’è la rete, mandiamo i file via e-mail o – per chi lo usa – skype.

Se guardiamo alla trasmissione dei documenti e degli atti importanti per privati ed aziende, con l’entrata in vigore della posta elettronica certificata (PEC), questi devono essere spediti insieme alla e-mail con tutti gli “effetti collaterali” che ciò comporta.

La PEC, anche se certificata è una casella di posta elettronica, le dimensioni degli allegati possono raggiungere nel migliore dei casi 50 MB, ma non tutti i provider garantiscono ed offrono questa caratteristica tecnica.

Inoltre la casella del destinatario non potrebbe avere le dimensioni complessive o non potrebbe accettare dei messaggi che superano determinate dimensioni. Per rispondere a questa necessità CuDoMa ha sviluppato un servizio di condivisione documenti integrato con la PEC che consente di condivider ein modo semplice e sicuro anche file di dimensione fino a 200 Mb.

Quando una aziende effettua l’upload del file sul sul sistema di gestione documentale (DMS) CuDoMa, il sistema provvede a generare l’impronta MD5SUM che identifica il file caricato. Al momento della trasmissione della mail, come PEC, il link per la condivisione viene accompagnato dal impronta crittografica Md5 che consente di verificare l’integrità del file trasmesso.

E’ molto più semplice condividere il file e vedere come funziona, vi assicuro molto semplice che non spiegarvi gli aspetti tecnici che ci stanno dietro. Queste funzioni non solo permettono la verifica dell’integrità del file dal punto di vista tecnico ma consentono di adempire alle norme prescritte dal nostro ordinamento in materia di PEC.

Grazie a parecchi soluzioni tecniche evolute, diventate ormai standard internazionali, è possibile usare dei servizi innovativi che consento di migliorare la nostra vita quotidiana. In questo senso i professionisti del settore non stanno perdendo occasione per segnalare al legislatore la necessità di legiferare su aspetti che tengano il più possibile conto di quelli che sono gli standard informatici internazioni che vengono di fatto adottati da tutti gli utenti, aziende, privati ed enti pubblici.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest