Anonymous si scatena



Un attacco generalizzato e in grande stile quello che la rete di hacker più famosa del momento, Anonymous, sta portando avanti in questi giorni.

Attaccati i siti di Paola Binetti (UDC), Lorenzo Ria (UDC) e di Maurizio Paniz (PDL), ad esempio. Però il testo del comunicato di rivendicazione è emblematico e certamente bipartisan, attacca alcuni politici di centro-sinistra per la questione Lusi e in generale tutta la classe politica italiana.

FPF (Fuck Politicians February) è il nostro modo per dirvi che ci avete rotto i coglioni. Mentre il paese va a rotoli a discapito delle classi più svantaggiate voi continuate a perdere ottime occasioni per tacere,per smetterla di rubare e per piantarla di farvi sempre e soltanto GLI AFFARI VOSTRI.
Guardando la vicenda Lusi ci chiediamo veramente se non siete tutti uguali.
Come potevano Rutelli/Bersani & Co non sapere nulla? Come fanno 13 milioni di SOLDI NOSTRI a sparire senza che nessuno se ne accorga?
Vogliamo delle risposte,e le vogliamo subito. Vogliamo che qualcuno paghi. Vogliamo che sia cambiata questa porcata di legge elettorale. Vogliamo che siano aboliti (come il popolo italiano aveva già deciso nel 1993) TUTTI i finanziamenti ai partiti. Vogliamo un parlamento pulito. NO condannati. NO pregiudicati. NO puttane,nani,ballerini e mafiosi.
Vogliamo che il popolo inizi a contare davvero.

Un messaggio contro tutti. Ovviamente la rivoluzione non si fa dalla tastiera, però le mosse mediatiche fanno un certo effetto.

E non si fa attendere neanche la risposta della Binetti, che scherzosamente dice:

Anche io ho delle domande da fare a “We are Anonymous”:
in un momento in cui tanto si parla di libertà di stampa, di libertà di informazione e di democrazia, non sarebbe stato meglio chiedere la pubblicazione delle vostre rimostranze, piuttosto che irrompere in uno spazio dedicato ad altro?
[..]
Scrivetemi a binetti_p@camera.it, non mi sottraggo mai a rispondere a quesiti legittimi e posti con le giuste e buone maniere.

C’è sempre un modo intelligente di rispondere senza arrabbiarsi!

 

 

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest