Antispam



Lo spamming è l invio di grandi quantità di messaggi non desiderati(il maggior parte delle volte commerciali).Una delle forme più note è quella attraverso email.

Il suo principale scopo è pubblicitario. Gli spammer normalmente inviano migliaia di messaggi pubblicitari identici a caselle email creando un disservizio agli utenti.

Dato che i costi di invio sono relativamente bassi, pochi spammer possono intasare la rete.Per ovviare a ciò esistono dei programmi chiamati antispam.

Questi programmi spesso si basano su indirizzi catalogati come spammer e attraverso dei filtri riescono a bloccare lo scaricamento degli stessi o a spostare i messaggi indesiderati in apposite cartelle. Quindi sostanzialmente esistono due misure antispam: bloccaggio e filtraggio.Il bloccaggio permette di fermare il messaggio prima dello scaricamento e quindi risparmiare banda mentre il filtraggio normalmente è più accurato in quanto consente di analizzare più dettagli del messaggio.

Una specifica tecnica di antispam comprende le DNSBL (DNS-based blackhole lists), ossia una lista di indirizzi ip di server da cui proviene molto spam o elenchi di ISP che supportano lo spam. Esiste anche la tecnica del filtraggio statistico cioè vengono catalogati come spam tutti quei messaggi che hanno come oggetto delle parole normalmente spesso usate dagli spammer. C’è il rischio però di filtrare falsi positivi ossia email non spam che contengono le suddette parole.

ANTISPAM

Un’ altro filtraggio è quello euristico che si basa nell’assegnare un punteggio numerico a frasi o modelli che si presentano nel messaggio. Se il punteggio è superiore a un valore statisticamente fissato, il messaggio viene considerato spam.

I più moderni antispam mixano le suddette tecniche cercando di aumentare l’efficienza.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest