Apple: un sostegno alla privacy dell’utente



Apple è in procinto di cambiare registro per quanto riguarda l’approvazione delle applicazioni sull’AppStore. In particolare, intende salvaguardare maggiormente la privacy dell’utente, ragion della quale non intende più accettare applicazioni che accedono a dati sensibili dell’utente, come gli UDID (Unique Device IDentifier), che sono i codici identificativi dei dispositivi che scaricano le varie applicazioni.

Alcuni sviluppatori hanno già ricevuto lettere di rifiuto delle loro applicazioni sull’AppStore, proprio a causa di questa novità in materia di privacy. Novità che è destinata a diventare universale tra tutti i team di controllo dell’AppStore, e che quindi produrrà il rilascio di applicazioni che raccolgono meno dati personali dell’utente.

Apple non è l’unica azienda che si sta movimentando in materia di privacy. Anche Google è in procinto di cambiare qualche regola su Play. Entrambe le aziende prestano attenzione alla privacy dell’utente e trovano idee nuove per salvaguardarla giorno dopo giorno.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest