Applicazione per disabili sviluppata da un sopravvissuto all’attacco terroristico di Londra



Un sopravvissuto, gravemente ferito dagli attentati del 7/7 ha creato un’applicazione per smartphone per aiutare le persone con disabilità a spostarsi per Londra più facilmente. Daniel Biddle ha perso un occhio, entrambe le gambe, la milza dopo la bomba che è esplosa nella metropolita di Londra nel luglio 2005.

La sua App fa visualizzare luoghi dove non ci sono gradini per l’accesso, ma dove siano presenti rampe e bagni pubblici attrezzati per i disabili. Il signor Biddle ha creato quest’applicazione dopo aver constatato che con la sua sedia a rotelle non può entrare in molti luoghi.

In un’intervista ha dichiarato: “quello che è successo il 7/7 mi ha tolto la possibilità di andare in qualsiasi luogo“. E ancora: “Mi vengono in mente numerosi casi in cui ho deciso di smettere di andarci perché sono impossibilitato. C’è una tale mancanza di informazione, che possono essere utili per le persone in sedia a rotelle, persone con difficoltà di apprendimento o di persone con una menomazione visiva o uditiva“.

I luoghi che sono coperti dal programma includono ristoranti, alberghi, teatri, pub ed attrazioni. L’applicazione è stata creata con il suo amico Tobi Collett. Funziona utilizzando la tecnologia GPS, visualizzando dove l’utente si trova e, utilizzando icone semplici trova subito il luogo tramite l’utilizzo di sottocategorie. Toccando l’icona viene posta in primo piano con le informazioni necessarie per fare una scelta informata sulla destinazione e sulle caratteristiche che possono soddisfare le disabilità dell’utente.

Il signor Biddle ha inoltre dichiarato: “Abbiamo fatto l’app molto intuitiva perché qualcuno con problemi di destrezza o con l’artrite non è in grado di digitare lunghe parole. Basta una sola semplice pressione sull’icona“. L’app contiene anche una sezione dedicata alle Olimpiadi, con le informazioni sull’accessibilità di ogni luogo e le località vicine da visitare. Funziona anche offline, il che significa che anche se si è in metropolitana è possibile sapere dove scendere.

L’applicazione Leonard Cheshire Disability è disponibile per il momento solo per l’Apple iOS ma il suo creatore spera che presto, in base ai fondi raccolti con il download, di crearlo anche per Android, Blackberry e Windows Phone. La tecnologia può essere una grande amica per migliorare l’indipendenza e speriamo che questo permetta al disabile di decidere cosa voglia fare, e basta uscire e farlo.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest