Audiopaint, l’inutilità fatta programma!



Sinceramente quando l’ho scoperto mi sono messo a ridere. E per 2 megabyte da scaricare voglio far gustare al mondo questo programma che è, a mio avviso, l’apoteosi dell’inutilità. Contando che i 2 MB che occuperete saranno di nuovo liberati nel giro di 2 minuti, quando tutto finirà nel cestino.

Insomma, a cosa serve questo programma? Ecco il dilemma maggiore. Appunto. Non si sa a che cosa serva. Quello che fa, invece è estrarre i suoni dalle immagini.

Se le immagini sono, infatti, costituite da un alto numero di Pixel, chi di noi non ha mai pensato “Perché non abbinare ad ogni pixel un suono, e vedere che cosa ne viene fuori?” Ebbene, questa domanda che tutti ci siamo posti almeno una volta, ha adesso una risposta, e si chiama Audiopaint.

Il programma (gratuito, vorrei anche vedere se l’avessero messo a pagamento) vi chiede di importare una delle vostre immagini, e in base al numero, alla posizione e alla tonalità dei pixel, premendo F2, genererà il suono più adatto a partire da quell’immagine. E potrete ascoltarlo, ascolarlo in loop e addirittura esportarlo!

I pazzi suicidi potranno mettere questi “bellissimi” suoni come sottofondo della presentazione alle foto delle vacanze. E’ un esperienza unica. Da provare almeno una volta nella vita.

Il programma si può scaricare da qui: Download Audiopaint

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest