BitTorrent a picco in Olanda



20090521bittorent

Ennesima vittoria ottenuta della campagna di repressione condotta da Brein, società olandese di raccolta dei diritti a cui fanno capo i produttori discografici, nei confronti dei siti. L’ultima assistenza ha dichiarato illegale i soli collegamenti a prodotti protetti da diritto d’autore, compromettendo infatti l’esistenza di diversi siti Internet.

Come Liquidtorrent.com, che è stato chiuso in seguito a perquisizioni condotte dalla polizia tributaria. Le autorità hanno sequestrato computer, server e altri materiali. Secondo gli inquirenti sui server sequestrati sono stati trovati numerosi siti che favorivano scambi di materiali protetti dal diritto d’autore.

 La società sostiene che proprio in quei siti , punto di riferimento per moltissimi utenti, non solo olandesi,  hanno dato origine alla cosiddetta pirateria di massa. Dopo non aver ricevuto risposta alla diffida invitata ai gestori dei siti, la società ha deciso di ricorrere alla polizia per fermare i responsabili. Questa si conferma ancora una volta la più cattiva organizzazione anti-rete che attualmente opera in Europa.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • il vero pirata è la SIAE, che vive alle spalle degli artisti e grazie alla quale i prezzi dei cd sono inavvicinabili….

  • Pingback: Technotizie.it()

Pinterest