Can’t (re)touch this



Tempi duri per i clienti troppo esigenti: Photoshop CS7 potrebbe non consentirvi di fare quello che volete con le foto delle modelle.

In an interesting move that should finally bring the United States’ fast-and-loose advertising rules and regulations into line with the UK and EU, the National Advertising Division (NAD) — the advertising industry’s self-regulating watchdog — has moved to ban the misleading use of photoshopping and enhanced post-production in cosmetics adverts.

L’ente di autoregolamentazione pubblicitaria americano pare si stia allineando a quello UK che vieta l’uso massiccio di Photoshop nelle pubblicità di cosmetici. Parrebbe che le misure – condivisibili – contro questo abuso di un potere (potere da cui derivano grandi responsabilità) saranno un po’ più di una tirata d’orecchi o una multina: l’idea è quella di eliminare  all’origine la possibilità di smagrire troppo le modelle.

In pratica: Photoshop CS7 dovrebbe avere degli strumenti di visione artificiale che rileveranno se state modificando significativamente un corpo.

Qui trovate ulteriori approfondimenti sulla questione

La mia personalissima ipotesi è che si tratti di una mezza bufala: photoshop finirebbe per utilizzare il 90% della CPU per stare attento affinché non commettiamo illeciti, anche quando stiamo ritoccando dei tramonti delle vacanze a Voghera.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest