Chiusi Youbid, Bidplaza e altri siti di aste al ribasso



L’Operazione Knocked Down della Guardia di Finanza ha fatto chiudere siti che negli ultimi tempi erano diventati parecchio noti tra gli utenti del web. Ad essere colpiti sono stati BIDPLAZA, YOUBID e BIDFORFREE, infatti se provate a visitarli noterete la comunicazione del Nucleo di Polizia Tributaria di Milano.

Questi siti di aste al ribasso promettevano l’assegnazione per cifre piccolissime, qualche euro, di oggetti di notevole valore: da iPod a pc ma anche cose più consistenti! In teoria ogni utente poteva fare la sua offerta ed a vincere era chi offriva di meno: di sicuro una possibilità ghiotta.

In pratica questo non succedeva però. Alla Guardia di Finanza sono giunte centinaia di proteste da parte degli utenti del sito che non riuscivano mai a vincere. Si teme che i gestori pilotassero le offerte in modo che ad ottenere i premi fossero sempre loro e non gli iscritti.

Le indagini probabilmente sono ancora in corso e quindi non è giusto entrare nel merito ma questo episodio serve a farci capire che internet può essere pericoloso se non viene usato con la testa e non bisogna credere che ci sia qualcuno disponibile a regalarci qualcosa, per praticamente nulla, così facilmente.

Attendiamo eventuali sviluppi della situazione.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • emiliano

    beh, devo dire che nell’articolo qualcosa è sbagliato. Non è vero che i premi erano SEMPRE a favore del sito in quanto io ne ho preso diversi. Alcune volte ho avuto anche io questo presentimento, ma altre anche io ho vinto. Bah. Erano comunque divertenti e se dovessero riaprire riprenderei di sicuro a giocare…saluti a tutti…

Pinterest