Come comprare bene un Pc



Un computer a meno di € 500 non è certo una impresa difficile. Tutti i volantini hanno tra le loro offerte alcuni computer a prezzi stracciati. Ma si tratta sempre di un affare? Il sospetto, in questo caso, è che per risparmiare sui costi si assegnino configurazioni sbilanciate, con la componentistica datata o addirittura obsoleta. Oppure, che si tratti di fondi in magazzino. Per dissipare questi dubbi negli ultimi mesi ho analizzato decine di volantini, con l’occhio critico di chi cerca il tocco che si nasconde dietro a un prezzo così basso.

 Per fortuna la maggioranza hanno passato l’esame. Insomma, trovare un buon pc a meno di € 500 non è certo una impresa difficile. Certo, non aspettatevi le prestazioni di un PC di fascia alta, ma un sistema bilanciato, aggiornato e sicuramente performante per le esigenze base di tutti i giorni. Eccovi alcuni consigli per acquistare al meglio ed evitare le insidie e i pacchi.

Non importa che si tratti del vostro primo computer o che sia solo l’ultimo di una lunga serie, per prima cosa fate mente locale sulle vostre reali  necessità e analizzate cosa vi aspettereste dal vostro prossimo computer. Ricordatevi infatti che se la configurazione che mettete nel carrello non è adatta alle vostre esigenze è comunque un pessimo affare, anche avete speso poco.

Le offerte che potete trovare nei volantini si dividono in tre diverse macro categorie: i super economici, i multimediali e quelle per il gioco di fascia medio bassa. I primi sono adatti a chi ha delle esigenze base come navigazione in Internet, produttività personale e riproduzioni multimediali in genere. In questo caso i requisiti minimi da rispettare sono: processore dual core , grafica, 2 gbyte di memoria e disco fisso sopra i 250 gbyte. L’unico possibile pacco, nel segmento super economico, è il sistema operativo. In alcuni casi ho trovato installata la versione Home di Windows vista, decisamente troppo  limitante rispetto a quella Home Premium. Un gradino più su dei supereconomici troviamo i sistemi multimediali, che sono dei veri computer tuttofare del 2D: montaggio video, fotoritocco, registrazione tv e tutti gli applicativi multimediali in genere. In questa fascia i requisiti minimi sono: processore quad core, scheda grafica separata con uscita in alta definizione,2 GB di memoria e di e da almeno 500 GB. In questo caso il rischio bidone può arrivare dal  reparto grafica e dovete verificare che quest’ultima sia davvero  separata e non integrata. Infine, il desktop da gioco economico, adatto per chi ha aspirazioni video ludiche. I requisiti partono dalla base minima del sistema multimediale, cui si deve aggiungere una scheda grafica di fascia media, visto che proprio quest’ultima farebbe differenza nella grafica. Le incognite in questo caso sono sulla generazione della scheda grafica: una scheda di fascia media della generazione perciò è molto meno performante di una di nuova generazione.

In alcuni casi volantini riportano non sono le caratteristiche tecniche, ma anche un giudizio di massima. Sulla carta queste indicazioni sarebbero un prezioso e utile strumento per indirizzare l’acquisto, ma in realtà le classificazioni che propongono i fronti sono assolutamente ingannevoli. Troppo spesso abbiamo letto una definizione perfetto per il gioco e per il multimediale su sistemi che non raggiungerebbero neanche una stiracchiata sufficienza. Nessuno può fare i miracoli , con un budget di € 800 è impossibile portarsi a casa un sistema di fascia alta, monitor incluso. Il mio consiglio? Non fatevi incantare da quello che scrivono, ma analizzate bene i dati tecnici.

Quando paragonate tre prezzi su diversi volantini valutate molto bene gli elementi aggiuntivi di ogni offerta. Una stampante fotografica,una multifunzione o altre periferiche incluse nel prezzo possono far aumentare di molto il possibile risparmio, ma consideratele solo se davvero necessari. Vi serve veramente una multifunzione quando già avete una stampante in casa? Il modello che è incluso risponde alle vostre necessità? Conteggiate inoltre anche il valore del software, facendo attenzione che l’offerta includa le versioni aggiornate e non, per esempio, versione   valutativa di 30 giorni oppure ormai superati.

Ecco un valore su cui sono rimasto piacevolmente colpito: molti sistemi, anche più economici, hanno un disco fisso di 500 GB. Mentre pensate che tale quantitativo sia esagerato per le vostre esigenze, tenete conto che audio/video possono mettere in ginocchio anche il disco più capiente.

Le ultime generazioni di computer non sempre sono in grado di sopportare le periferiche più datate, come stampanti parallele, strumenti musicali o modem seriali e, in alcuni casi, mancano anche le porte per collegare mouse e tastiera. In questo caso l’universalità dell’usb ha reso le vecchie porte del tutto obsolete. Nessun problema se partite da zero e non avete in casa vecchie periferiche che volete riciclare. Diversamente accertativi prima che il vostro futuro desktop  abbia tutte le porte necessari.

Se vi chiedete: “spendo poco, avrò una pessima garanzia e assistenza!” Sappiate che la risposta è no. Il computer che trovate nelle grandi catene di elettronica sono tutti prodotti di marca che possono vantare dunque molta assistenza di buon livello, spesso ben superiore a quanto possono offrire i piccoli assemblatori locali. L’unico aspetto in cui dovete tenere gli occhi aperti è se le sedi offrono una estensione della garanzia. Ricordate in questo caso l’assistenza non ricade più direttamente sul produttore, ma sulla catena di negozi per questi tempi o le modalità di intervento possono essere ben diverse.

Se avete un budget davvero limitato, 20/30 euro in più possono fare la differenza. Per questo ricordatevi di controllare se mouse e tastiera sono inclusi o se invece dovete acquistare a parte. Anche se il kit in dotazione non è di alto livello, sarà comunque sufficiente. In alcuni casi, infine, la confezione include in paio di cuffie , una coppia di altoparlanti dato che sono periferiche che dovrete sicuramente comprare, considerate la loro presenza come un ulteriore risparmio.

Comprare un computer in una grande catena di elettronica è come comprare un abito in un grande negozio di abbigliamento: troverete un modello che si adatta alle vostre esigenze, ma se volete qualcosa che davvero rispecchi il vostro volere  dovrete rivolgervi un sarto. Per questo, se cercate un Pc personalizzabile rivolgetevi a un rivenditore specializzato.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest