Come comprimere le foto senza perdita di qualità



Con l’espansione sempre maggiore delle macchine fotografiche digitali e il relativo abbassamento vertiginoso dei prezzi, ormai diventare fotografi è alla portata di tutti. Con il digitale fare una fotografia non è più una spesa da affrontare e così ognuno può cimentarsi nell’attività di fotografo, ma spesso non ci si riesce a controllare e si finisce col riversare sul nostro povero hard disk quantità industriali di fotografie.

Se ormai il nostro disco fisso non ce la fa più a contenere tutte queste immagini, allora è giunto il momento o di comprarne uno nuovo (e quindi tirare fuori il portafoglio) o di comprimere le immagini presenti sull’hard disk gratuitamente utilizzando Caesium. Questo software ci permetterà di alleggerire le nostre foto in modo che occupino meno spazio su disco, il tutto senza perdere qualità e chiaramente gratis.

Una volta installato il programma, apriamolo e clicchiamo su “Apri Cartella” per importare tutte le immagini presenti in una singola cartella, clicchiamo invece su “Aggiungi Immagine” se vogliamo importare le singole foto. Le foto selezionate compariranno nella lista sottostante. Rechiamoci nella parte inferiore della schermata. Assicuriamoci che nella barra Qualità sia impostato il valore 80, che ci consente di risparmiare notevolmente in termini di spazio su disco senza perdere la minima percentuale di qualità.

Se vogliamo sovrascrivere le foto originali, spuntiamo la voce “stessa cartella di Input” sulla destra e cancelliamo il suffisso “_compressed” che comparirà sotto. Se invece vogliamo salvare le immagini più leggere in un’altra cartella, impostiamo il nuovo percorso nell’apposito campo, sempre in “Opzioni di compressione”. Andiamo ora sulla barra degli strumenti nella parte superiore e clicchiamo su “Comprimi!” per dare inizio al processo di compressione.

Attendiamo che esso venga completato e, una volta terminato, comparirà una piccola finestrella con il report dell’operazione, indicante il numero di errori durante il lavoro e il tempo impiegato. DI fianco al nome di ogni immagine comparirà la sua nuova dimensione. Per verificare poi che non ci sia stata alcuna perdita di qualità, selezioniamo un’immagine dalla lista e clicchiamo su “Anteprima”, in basso. Nei due riquadri a destra si potranno quindi vedere l’immagine originale e quella compressa: noteremo che non ci sono differenze, se non in termini di spazio occupato su disco.

Annunci sponsorizzati:

Ricerche effettuate:

  • venusbooks/Anilingus
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest