Come creare biglietti elettronici di auguri di Buona Pasqua animati



Anche quest’anno è arrivato il periodo delle festività pasquali. E’ quindi arrivato anche il momento di inviare gli auguri: di persona, per telefono, per email o via social-network. Ogni mezzo è buono per potere augurare Buona Pasqua. Questa guida spiegherà come creare biglietti di auguri originali.

I biglietti di auguri originali sono dei programmi. Sì, sono proprio dei files .exe. In questo caso non bisogna programmare niente, nè scrivere una sola riga di codice: infatti la creazione di questi files .exe consiste nell’utilizzo di un programma che, tramite un ambiente totalmente grafico (e quindi pre-programmato) consente di creare files eseguibili contenenti effetti speciali. Il destinatario aprirà il file eseguibile e vedrà una finestra a schermo intero, completamente disegnata secondo le proprie esigenze, dove si verificheranno gli effetti speciali. Ai lettori verrà in mente un programma simile ad un gioco per computer. Ed infatti, il software che si utilizzerà per creare questi “biglietti animati” è nientemeno che un programma per realizzare giochi per computer… utilizzato in modo improprio (infatti non si crea un gioco, ma appunto un biglietto di auguri).

Il programma in questione è Game Maker, scaricabile dal sito ufficiale. A questa pagina è possibile scaricare il programma. Il programma è stato citato anche in articoli precedenti di altri autori. In edizione Lite (gratuita) le funzioni sono limitate, e ad esempio non è possibile applicare gli effetti speciali (è comunque possibile, se si dispone di una certa dimestichezza, realizzare qualche effetto artigianale). L’edizione Pro costa $39.99: si acquista una volta e poi la si potrà utilizzare per tutti i biglietti di auguri futuri. Con l’edizione commerciale si ha accesso a tutte le funzioni, e quindi anche all’aggiunta di effetti speciali.

E’ bene tenere a mente che cosa bisogna creare nel proprio biglietto (è necessario anche comprendere la lingua inglese):

Object: gli “oggetti”, ovvero gli elementi che appariranno nella schermata del biglietto: possono essere oggetti, per esempio, delle scritte di auguri. E’ agli oggetti che vengono applicati effetti speciali e modalità di azione. Da notare che gli effetti speciali possono anche propagarsi per tutto l’ambiente: se ad esempio si applica ad un oggetto l’effetto “Neve” persistente, tutte le finestre dove questo oggetto è presente saranno invase dalla neve, senza che questa venga limitata al solo oggetto.

Sprite: la sprite è l’immagine dell’oggetto: gli oggetti in sè, dal punto di vista tecnico, sono astratti: ciò che l’utente vede in realtà è l’immagine che viene associata all’oggetto, detta appunto “sprite”.

Room: la room è la schermata che vede l’utente. In Italiano la traduzione è “stanza”, infatti, vista in un gioco per computer, la “room” è una stanza virtuale. Nella room si andranno ad inserire gli oggetti.

Background: lo sfondo. Si può applicare un’immagine di sfondo ad una room.

Sound: i suoni. E’ possibile aggiungere musica, suoni ed effetti sonori al proprio biglietto.

Fonts: i caratteri da applicare ad eventuali scritte che si decide di fare generare dal programma. Nella finestra di gestione oggetti si possono aggiungere i parametri che permettono di fare generare scritte dal programma.

Paths: i percorsi che un oggetto può compiere in movimento. All’oggetto si associano percorsi nella finestra di gestione oggetti.

Scripts: se si è esperti di programmazione, gli script consentono di creare azioni totalmente personalizzate all’interno del programma.

Resta inteso che un programma del calibro di Game Maker non può essere compreso subito appena installato: la documentazione (disponibile sia online sia offline) andrebbe letta, per potere capire come funziona questo programma. Tuttavia, una volta letta la documentazione, si è già in grado di creare il proprio biglietto elettronico, anche senza conoscenze di programmazione.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest