Come creare url corti da condividere con gli amici



Uno dei fenomeni più fastidiosi presenti sulla rete è quello degli url lunghi: capita che stiamo visitando il nostro portale preferito e, dopo una lunga navigazione, troviamo un articolo particolarmente interessante. L’argomento scovato ci piace molto e vorremmo condividerlo, per email o social network, con i nostri amici.

Quindi copiamo l’url della pagina e, appena dopo averlo incollato nella destinazione, ci accorgiamo di una spiacevolissima sorpresa: l’url è lunghissimo, spesso si spezza in più righe e questo lo rende, di sovente, inutilizzabile.

Come possiamo rimediare a questo inconveniente? Negli ultimissimi anni si sono diffusi alcuni servizi, chiamati Url Shortner, che accorciano gli indirizzi alfanumerici dei siti e delle pagine che vogliamo condividere. Il più popolare è, senz’altro, TinyUrl: nella pagina di questo servizio viene solo richiesto di inserire, nell’apposita mascherina, l’url da compattare. Se vogliamo, ma è opzionale, possiamo anche digitare un “alias” (termine identificativo) che ci consente di rendere meno impersonale l’url compatto che verrà generato.

Appena più elaborato del precedente è Cli.gs che consente di accorciare l’url, di personalizzarlo con parole chiave, di condividerlo automaticamente su Twitter e, infine, di monitorarne il gradimento con un completo sistema di statistiche.

Il servizio shortner più curioso è senz’altro TinyArrows: nella pagina principale troviamo la classica maschera per accorciare gli url cosi come la possibilità di personalizzare l’indirizzo finale con una parola di nostra scelta. Quello che più colpisce, tuttavia, è la possibilità di scegliere delle combinazioni di simboli per accorciare ulteriormente la generazione dell’url compatto da condividere.

Se cerchiamo la completezza, invece, dobbiamo ricorrere, gioco forza, a Flavr: il portale in questione è anche molto intuitivo. Nella schermata principale è presente una maschera per l’inserimento del collegamento web: incolliamoci l’url da “compattare”, premiamo “Enter” sulla tastiera o il simbolo del “+” che si trova nella medesima mascherina, e verrà generato l’url accorciato. Tutto qui? No. Assieme all’url compattato, il portale in questione ci fornisce anche un codice “QR” che possiamo condividere con gli smartphone dotati di un apposito programma di riconoscimento: in questo caso i nostri amici scansioneranno questo codice e verranno portati alla pagina che abbiamo condiviso. Tra le altre opzioni di questo servizio, vi è la possibilità di stabilire dei criteri di privacy per la condivisione dell’url compatto: possiamo stabilire quante volte potrà essere visualizzato (“Uses”), sino a quando (“Expire”), se sia il caso di renderlo privato e con quale password sbloccarne la visualizzazione. Volendo, poi, possiamo anche impostare una parola chiave (“Custom name”) per rendere l’url compatto più facile da ricordare. Non manca, infine, la possibilità di installare sul browser un suo segnalibro (“bookmarlet”) che possiamo utilizzare per accorciare rapidamente ogni pagina in cui ci troviamo durante la navigazione: un click su questo strumento e verrà generato l’url compatto da condividere su Facebook, Twitter e Google Plus.

Infine una chicca: con gli url corti è anche possibile guadagnare. A consentirlo è AdF.ly, uno dei pochi servizi che chiede la creazione di un account. Dopo la nostra registrazione, a seguito della quale avremo anche fornito il nostro account paypal, non dovremo far altro che usare questo servizio come un comune shortner: forniremo l’indirizzo da accorciare ed otterremo un url compatto. La differenza, e qui sta il nostro guadagno, è che i fruitori del nostro url compatto dovranno prima visualizzare della pubblicità. Oltre questo, AdF.ly prevede un sistema di referrals per incrementare le nostre entrate con i link compatti generati dagli amici invitati al servizio.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest