Come fare per impostare attributi a file o cartelle in windows



Molto spesso, sia negli uffici che in ambiente domestico, capita che un unico computer sia destinato ad una multi-utenza: in genere la questione viene risolta con la creazione di account ad hoc ma, per questioni di privacy, può essere comunque necessario proteggere i propri contenuti da accidentali modifiche o dall’attenzione altrui con la modifica degli attributi ai file ed alle cartelle in Windows.

I più smaliziati possono procedere senza installare alcun programma di terze parti ed utilizzando le procedure già previste dall’Os di Redmond: è sufficiente cliccare su un file o una cartella con il tasto destro del mouse e scegliere la voce “Proprietà”. A questo punto, in basso, troveremo la voce “Attributi”: flaggando “Sola lettura”, impediremo le modifiche al file o alla cartella mentre, scegliendo “Nascosto”, otterremo l’occultamento del contenuto di nostro interesse (per riuscire ad individuare il file “smaterializzato” in modo da invertire la procedura sarà necessario andare in “Pannello di controllo”, “Opzioni cartella”, “Visualizzazione”, e scegliere “Visualizza cartelle, file e unità nascoste”).

Da notare che, sempre nelle “Proprietà” del file e della cartella, in Windows ed in particolare alla voce “Attributi”, troviamo il comando “Avanzate” che ci permetterà di predisporre il file/cartella per l’archiviazione o per l’indicizzazione senza dimenticare la possibilità di criptarli per ragioni di sicurezza o di comprimerli per risparmiare spazio sul disco fisso. Per chi ritenesse questa procedura troppo laboriosa, è disponibile il programma “Attribute Changer 7.10c” di appena 3.2 MB per Windows XP, Vista, Seven e 8.

Attribute-Changer-7

Il programma in questione, di facile installazione, consente di modificare gli attributi (“Sola lettura”, “Nascoso”, “Archivio”, “Indice”, “Sistema”) e la data di creazione/modifica/accesso del file o della directory su cui stiamo lavorando grazie al comando “Modifica attributi” che viene installato nel menu contestuale di Windows. Oltre a ciò, “Attribute Changer 7.10c” (disponibile anche in italiano) supporta la modifica massiva dei contenuti: è possibile, cioè, cambiare gli attributi su più file o cartelle selezionati in un blocco solo.

In tale caso, inoltre, questa pratica utility consente anche di esplicare una sua utilissima funzione: la modifica degli attributi in base ai filtri.

Attribute-Changer_21

Per usufruire di questa modalità, dopo aver selezionato più file o cartelle, occorre recarsi alla voce “Avanzate”, “Attributi” e qui sarà possibile limitare la modifica degli attributi ai file che soddisfino determinati criteri di data o dimensione (Byte, KB, MB) o a quei file/directory che abbiano determinati attributi già precedentemente attivati.

 

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest