Come nasce un videogioco per console o pc



Notti insonni, idee chiare e una grandissima passione: questa è la vita dei disegnatori 3D, creativi e programmatori che trasformano righe di freddo codice negli affascinanti personaggi digitali dei videogames. Che si muovono in mondi virtuali super realistici. Ma come fanno?

Come per un film, la prima cosa è l’idea.Può essere un interesse personale. Una volta individuato il tema si comincia con la sceneggiatura scritta che in questo caso contiene, oltre trama, le indicazioni sul tipo di gioco (avventura, sparatutto, azione) e del formato su cui girerà, cioè pc, PlayStation, Game Club o X Box, e le tracce di scene e audio. Anche la musica è fondamentale. Poi si decidono le specifiche tecniche di gioco per la successiva fase di sviluppo. Si ha quindi uno sviluppo graduale.

Tutto inizia dalla carta: i disegnatori fanno bozzetti di un modello (una figura) visto di fronte, dietro e di fianco, per vederlo in tre dimensioni. E a partire da questi disegni preparatori, si costruisce sul computer lo scheletro 3D (tridimensionale) per animarlo in modo realistico una tecnica usata è quella con il robot meccanico dotato di sensori che “trasmettono” i suoi movimenti al programma del pc. Basta infatti mettere il robot in una determinata posizione per farla riprodurre identica allo scheletro 3D sullo schermo. In questo modo nascono le animazioni dei personaggi ancora in fase di studio.

La fase dell’animazione è accompagnata dal lavoro al pc chiamato mappatura: allo scheletro 3D si aggiunge pelle, colore, abiti e dettagli per trasformarlo in un vero personaggio. Ma un gioco non è fatto solo di personaggi occorre definire la logicaper cui accadono gli eventi. Per esempio, se apro una porta, finisco nel fosso. Questa operazione si chiama editing dei livelli ed è fondamentale per la giocabilità del prodotto. Naturalmente c’è anche chi scrive il codice, cioè il programma, per il motore grafico alla base del gioco.

Se tutto è andato bene, il gioco è ormai finito. Squadre di gamer esperti lo sottopongono a diversi test per vedere se è davvero intrigante, per scoprire eventuali problemi tecnici e la resa sulla console o sul pc.

Dopo il test, il gioco è pronto per finire sullo scaffale. Prima di ciò però ecco un ultimo controllo ai dettagli, alla musica scelta nella fase iniziale e alla presentazione. E magari c’è ancora tempo per qualche arrangiamento dell’ultimo minuto, sperando dopo tanta passione e fatica che sia un successone.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!

Galleria Fotografica

Pinterest