Come usare Windows all’interno di Linux-(Virtualizzare)



CONOSCETE IL SIGNIFICATO DI VIRTUALIZZARE un sistema operativo?

La virtualizzazione dei server è una tecnologia non recente ma esistente da tanti anni dove si creavano partizioni di sistema usando server virtuali come Linux e Windows.

I software di virtualizzazione si dividono sostanzialmente in tre categorie principali: quelli che si appoggiano al sistema operativo, quelli basati su Hypervisor e quelli basati su meccanismi di “gabbie” chroot.

I virtualizzatori per workstation, come Virtualbox , fanno parte dell PRIMA CATEGORIA, e ci permettono ad esempio l’istallazione  su Windows Vista, di Ubuntu Linux 8.10 .

Ma possiamo virtualizzare qualsiasi tipo di software, ossia creare virtualmente una risorsa, non fisicamente ma virtualmente, e avremo quindi la possibilità di adoperare un solo dispositivo, sfruttandone invece tanti altri.

Scaricate virtualBox e istallate senza l’impegno di registrarvi, è gratuito.

virtualbox-home_0.jpg

Ora clicchiamo sul pulsante NUOVA, per creare una macchina virtuale, e dopo su NEXT, scegliamo il SO che vogliamo virtualizzare,OSSIA Ubuntu Linux.

IL PASSO SUCCESSIVO SARA’ DECIDERE LO SPAZIO che scegliamo di dare al nuovo pc virtuale definendo la quantità di RAM, noi consigliamo 384Mb.

Passiamo ora alla realizzazione dell´hard disk virtuale su cui andremo ad installare il nostro SO: scegliamo di crearne uno nuovo e a dimensione dinamica: a differenza di un hard drive virtuale a dimensione fissa avremo il vantaggio che il file .vdi non sarà grande quanto abbiamo stabilito sin dall´inizio, ma si espanderà man mano che l´occupazione del disco stesso aumenterà. Unico svantaggio di questa soluzione, è che avremo un appena percettibile calo delle prestazioni in scrittura nell´HDD virtuale rispetto ad uno a dimensione fissa.

Il prossimo click sarà su finish, quindi possiamo iniziare a lavorare sia sul sistema operativo fisico che su quello virtuale!

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest