Come vedere foto di sconosciuti su Facebook …e addio Privacy!



20090720cap

Si chiamano Photo stalker, e Seegugio. Il primo è americano, il secondo dello stivale. Entrambi si installano tramite facebook ed hanno raggiunto un discreto successo, alimentato ulteriormente proprio nelle ultime ore, con il diffondersi della corrente notizia anche attraverso testate nazionali come Repubblica: all’uscita dell’articolo gli iscritti a Photo stalker sono passati da 81.000 (indicati da Repubblica circa 6 ore fa), a 94.000 in questo momento (00.10 del 20 luglio); mentre quelli di Seegugio sono passati da 34.000 a 36.000.

Chiunque voglia vedere foto di persone che non compaiono negli amici, non devono che scrivere il nome del programma scelto su Fb, e cliccare su Vai all’applicazione. A questo punto basta scrivere il nome che ci interessa, e potremmo vedere le sue foto!

Paradossalmente, i due programmi incriminati non sono incriminabili: essi sfruttano una falla di facebook, o meglio il cattivo utilizzo che ne fanno gli utenti. Gli utenti, infatti, quando aggiungono nuove foto, devono scegliere di “proteggerle”. Eppure l’impostazione predefinita quando creiamo un nuovo album fotogragico è “Tutti” alla voce “Chi può accedere?”. Ciò significa, che le foto che inseriamo finiranno nella cosiddetta “Home” di amici ed amici di amici, ma visto che la parola “Tutti” non esclude nessuno, ebbene allora nulla vieta l’accesso anche a questi programmi. Non c’è nulla di losco dunque, chi non vuole farsi i fatti propri, e legge questa notizia, ha pane per i suoi denti, mentre chi ci tiene alla sua privacy, dovrà prestare maggiore attenzione in futuro alle clausole del più grande annuario del mondo.

Insomma la privacy su Facebook prende un altro duro colpo. Privacy già al centro di numerose polemiche che hanno messo sott’accusa più d’una volta il global network. Dopotutto, da quando esiste FB, basta scrivere il nome e il cognome di una persona iscritta perché Google mostri il link alla sua pagina come primo risultato, mostrando tramite la cache, la memoria temporanea del motore di ricerca, anche più informazioni del previsto (basta cliccare cached appena sotto al classico link di Google). E così FB, sta diventando sempre più FB”I”, un organismo totalizzante, a tratti oppressivo, incapace addirittura di dimenticare: è recente l’accusa sulla privacy proveniente dall’estremo Nord America: Facebook violerebbe anche la legge sulla privacy canadese, perché mostra informazioni anche di utenti che non fanno più parte della sua rete; citando l’articolo di forbes.com Facebook “indicherebbe ad un utente come disattivare un account, ma non come cancellare i dati dai suoi computer server”.

Al di là di questi casi specifici, come quello canadese, la maggior parte dei problemi legati alla privacy su FB, sono e restano comunque legati alle sue impostazioni predefinite e ad una natura “cavillosa”. Questa è senz’altro la peggiore pecca del sistema: su Internet siamo spesso portati a cliccare “avanti” e “continua” di fronte a impostazioni delle quali pre-supponiamo di non saperne a sufficienza: abbiamo paura di toccare qualcosa, di cambiare le impostazioni che “hanno tutti” oppure abbiamo solamente fretta! Tutto ciò si traduce in vere e proprie trappole per la nostra Privacy che cede sempre più dati alla rete (a tutti).

Possiamo parlare quindi di una cattiva condotta (non sappiamo se voluta o meno) da parte dei creatori, nella organizzazione dei meccanismi di funzionamento del loro prodigioso strumento sociale. Però non dobbiamo buttarci giù, non dobbiamo necessariamente correre a cancellare il nostro profilo con la paura d’essere spiati continuamente. La tecnologia può anche essere controllata, e quindi vi invito a proseguire la lettura:

Breve guida su: come proteggere i propri dati su Facebook!

1) Impostazioni sulla Privacy

Partendo dal presupposto che abbiamo già un account Facebook, andiamo a visualizzare le nostre “Impostazioni” (icona in alto a destra), e nel menu a comparsa clicchiamo su Impostazioni sulla Privacy. Queste si dividono in: Profilo, Ricerca, Bacheca, Applicazioni.

Profilo: verifichiamo che tutte le impostazioni siano visibili solo dagli amici! Lo stesso vale per la scheda “info di contatto”.

Ricerca: questa scheda è molto importante. Qui si decide chi, scrivendo il nostro nome su facebook, può trovarci, e quali informazioni può visualizzare da “non amico”. Di solito la maggior parte degli utenti, lascia l’impostazione della ricerca su “Tutti”. Questo perché una delle più importanti peculiarità di Facebook è quella di tornare in contatto inaspettatamente con persone che non vediamo da tempo, difficilmente sarà possibile se limitiamo la ricerca. Quindi è più consigliabile (se intendiamo ugualmente cautelarci) decidere di non mostrare a “sconosciuti” quegli elementi predefiniti di facebook che non intendiamo mostrare: es. la foto, la lista degli amici, il link per richiedere l’amicizia, il link relativo al messaggio, o le pagine di cui siamo fan. Personalmente, ho scelto di rimuovere la lista degli amici e la pagina dei fan, mentre ho lasciato la foto per essere più facilmente riconoscibile, e il messaggio per essere rintracciabile. Più in basso è presente una clausola che rende il nostro profilo di dominio pubblico (se intendete proteggere la vostra privacy, lasciatela vuota).

Notizie e Bacheca: Qui scegliete cosa mostrare e cosa non mostrare nella bacheca comune (la cosiddetta “Home” di Facebook).

Applicazioni: Qui è possibile limitare le informazioni che spesso decidete di condividere con le applicazioni. Per farlo cliccate su “Impostazioni” e scegliete cosa deselezionare.

2) Le fotografie

L’uso pià comune di Facebook è quello di Photo-Account. Esso risulta comodissimo per pubblicare e condividere le foto insieme agli amici, e infatti possiede un immenso database di dati fotografici in espansione continua. Tuttavia, i programmi che hanno dato vita a quest’articolo, Photo stalker e Seegugio, fanno leva proprio sulla vostra distrazione e sulla natura cavillosa del network, per rendere pubbliche le vostre (magari personalissime) foto! Quindi, quando create un nuovo album fotografico, nella schermata principale (dove decidete il nome dell’album) ricordatevi, sotto, di limitare l’accesso solo agli “amici”. Se lasciate tutto com’è, cliccando “continua”, renderete di fatto le vostre foto di dominio pubblico!

3) Infine, attenzione all’opzione “amici degli amici”.

Quasi sempre presente come alternativa a quella degli “amici”. Se è vero che essa risulta utilissima, soprattutto all’inizio della vostra iscrizione, per ampliare velocemente la cerchia dei conoscenti, è anche vero che essa permette l’accesso ai vostri dati, di veri e propri sconosciuti, risultando un vero pericolo per la nostra privacy! Se non vogliamo far sapere in giro quello che facciamo, sarebbe meglio evitare di includere la cerchia “allargata” dei conoscenti.

Che aggiungere.. mentre eravate così assorti nella lettura dell’articolo sono andato a dare un’occhiata al vostro profilo! E visto che il mio lavoro qui è finito… ci risentiamo su Facebook!! :D

Massimo D.

Ricerche effettuate:

  • yhs-default
  • vederefotofb
  • vedere foto su fb
  • vedere album chiusi su fb
  • confrontare foto di fb se sono vere
  • come vedere le foto di una persona di facebook che non tra i tuoi amici
  • come vedere le foto dei non amici su fb?
  • come faccio a vedere le foto degli amici degli amici su faceook
  • come espandere il pubblico che può vedere le mie foto su fb
  • Applicazione per vedere su fb foto di non amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • http://dre4mn3t.blogpsot.com shad

    Bhè, c’era da aspettarselo che dopo un pò cominciassero ad uscire fuori i sistemi per vedere le foto.
    Questo, per il suo funzionamento di usare a proprio vantaggio le “regole” di Facebook è proprio simpatico oltretutto xD

Pinterest