Creare un sito di successo



Rispetto a qualche anno fa, oggi è molto più semplice e alla portata di tutti creare un sito web. Molti infatti sono gli strumenti che abbiamo a disposizione per pubblicare il nostro sito su Internet, senza per forza dover conoscere l’ HTML, i fogli di stile, flash… Se provate a cercare su google “creare sito web” troverete oltre 1 milione di risultati: “crea il tuo sito web in 5 minuti”, “crea il tuo sito online in pochi passaggi”,.. Personalmente sono il classico “smanettone” che scrive tutte le righe di codice per creare un sito e che usa solo X(HTML) e CSS al fine di rendere il sito molto leggero e più visibile ai motori di ricerca. Tutto quello che scriverò in questo e altri articoli che seguiranno, deriva da esperienze personali e professionali, che hanno portato il mio sito principale ad avere 40 pagine nelle prime 10 posizioni su Google in circa 6 mesi di lavoro di ottimizzazione e soprattutto senza trucchi.

A questo punto entriamo in pieno nell’argomento dell’ articolo “CREARE UN SITO DI SUCCESSO” partendo dalla seguente considerazione: quando facciamo una ricerca su Google (lo stesso discorso vale anche sugli altri motori di ricerca), quali sono i risultati (SERP) che considero? Difficilmente vado oltre i primi 30 (ovvero le prime 3 pagine di Google). Una ricerca ha infatti dimostrato che le prime 3 pagine di risultati generano oltre il 90% del traffico. E’ necessario quindi essere posizionati nelle prime 2/3 pagine del motore di ricerca per essere visibili agli altri “Internauti”.

La foto che rappresenta l’articolo è significativa, in quanto il successo del vostro sito è legato in gran parte al suo posizionamento sui motori di ricerca, ed in particolare su Google. Ottimizzare il sito per essere visto da Google, automaticamente comporta il miglioramento del suo posizionamento anche sugli altri motori di ricerca (Yahoo, Bing,..). Questa è una cosa che ho verificato personalmente.

Come faccio a comparire nelle prime pagine dei risultati ?

Partendo dal presupposto che abbiamo chiari quali sono gli obiettivi che vogliamo raggiungere ed il  target di riferimento (ovvero a chi mi sto rivolgendo), occorre seguire alcune semplici regole (che verranno approfondite nei successivi articoli), che effettivamente funzionano:

1) definire le parole chiave del sito, che meglio ne descrivono i contenuti (meglio poche ma “buone”, ovvero a bassa concorrenza) . In particolare per ottenere il miglior posizionamento possibile per ogni pagina occorre ottimizzarla per 1 o al massimo 2 parole chiave

2) la struttura della pagina deve essere pulita (usare CSS esterni), semplice (non usare tabelle ma layers) e corretta (verificare la sintassi HTML)

3) inserire nel tag <title> un titolo che contenga le parole chiave scelte. Importantissimo al fine del posizionamento)

4) evitare di inserire nel meta tag keywords, decine di parole chiavi. I motori di ricerca ignorano questa meta tag e non servono per il posizionamento

5) inserire nel meta tag description una descrizione della pagina contenente le parole chiave principali della pagina

6) strutturare i testi delle pagine utilizzando gli header tags (<h1>, <h2>,..)

7) usare le parole chiave nel testo dei collegamenti (es. <a href=”http://www.livigno.info”>Sciare a Livigno</a>

8) utilizzare parole chiave nei nomi di file (immagini, pagine HTML, directory,..). Si può anche inserire nell’attributo ALT delle immagini alcune parole chiave

9) utilizzare tag per la formattazione del testo (<strong>, <b>, <i>,..) per mettere in risalto le parole chiave

10) non usare una struttura a frame

11) non abusare con i javascript,

12) se possibile evitare flash

13) fornire contenuti di qualità

Il consiglio che vi dò è comunque di non abusare di tutte queste tecniche di ottimizzazione, arrivando ad un giusto equilibrio.

Nei prossimi articoli approfondiremo ogni regola di ottimizzazione.

SB

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest