Cresce l’advertisting italiano, soprattutto sul web



Cresce l’advertising in Italia, anche nel mese di agosto. Nei primi otto mesi del 2010 gli investimenti in pubblicità sono aumentati del 4,8% rispetto all’anno passato, arrivando alla ragguardevole cifra di 5,3 miliardi di euro. Le aziende investono quindi sempre più in pubblicità per tentare di risollevarsi dalla crisi economica globale degli ultimi anni, tanto che secondo Nielsen sono aumentati proprio gli investitori (+27,5%) e non solo gli investimenti pubblicitari.

Questo trend positivo attravesa tutti i media ad eccezione della carta stampata, decisamente in crisi, mentre a fare la parte del leone nella raccolta pubblicitaria è senza dubbio la televisione che, in questo primo periodo dell’anno, incluse le televisioni su piattaforma satellitare ha visto crescere gli introiti del 7,7%, per circa 2,9 miliardi di euro. In crescita anche la radio (+12,8%), mentre come detto i giornali sono in difficoltà, soprattutto i quotidiani ed i free press.

Gli investimenti pubblicitari sul web fanno invece registrare un ottimo +17,7%, la crescita più importante tra tutti i media, dove gli inserzionisti sono cresciuti soprattutto nei settori media ed editoria (con un “clamoroso” +58,5%) e quello automobilistico (+27,3%), sempre considerando i primi otto mesi del 2010. Sulla rete internet le aziende che hanno investito in pubblicità sono aumentate del 27,4% rispetto allo scorso annno. Non male anche l’aumento di investimenti pubblicitari nel direct mailing (+5,7%) e outdoor (+8,9%).

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest