Estate 2009: proteggiamo dal caldo i nostri computer.



L’estate 2009 secondo alcuni esperti sarà portatrice di temperature record, qui in Europa, e a soffrirne non saranno solo le persone ma anche i nostri computer che, com’è risaputo, non amano le alte temperature.

Se in una giornata estiva, col caldo ai limiti del sopportabile, mentre state lavorando al vostro pc improvvisamente questo si spegne, non meravigliatevi e soprattutto non andate a smanettare nei meandri del vostro sistema operativo per capire cosa lo fa andare in tilt, piuttosto la prima cosa da fare è aprire il case e controllare se il dissipatore della cpu è intasato dalla polvere.

20090621dissipatore

Il più delle volte basta una passata di aspirapolvere o una bella spennellata (anche un semplice pennello da pittura può andare bene) per risolvere il problema. Per maggiore accortezza conviene sempre andare a pulire un po’ tutto (la polvere adora l’interno dei computer :) ) ma ciò che può portare facilmente problemi è quando la sporcizia s’insedia nelle ventole della cpu o del chip della scheda grafica, perchè impedisce il corretto passaggio dell’aria che serve a raffreddare i microprocessori.

Un altro consiglio che posso dare è di andare a vedere le caratteristiche tecniche del vostro processore, controllare la temperatura massima supportata (in genere non dovrebbe salire al di sopra dei 55°/60°, ma questo varia tantissimo in base alla casa e al modello) ed installare un software per il monitoraggio delle temperature interne, ad esempio Speedfan, che oltre a darci un resoconto in tempo reale di tutto ciò che riguarda le temperature di cpu, chip scheda video, hard disk, e a dare varie informazioni su ciò che accade all’interno del nostro case, offre anche la possibilità di modificare la velocità delle ventole di raffreddamento.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest