Facebook e scandalo haiti: link bufala che promuoveva viaggi per necrofili.



20100124facebook-basta-ai-falsi-profili-stop-fake-accounts-hacking_1264297710754

Per quanto possa sembrare assurdo e sicuramente osceno oltre ai falsi link e truffe che girano intorno a facebook,noto social network che registra un incrementarsi delle registrazioni senza sosta,si siano aggiunti di recente anche dei link che promuoverebbero un blog in cui è possibile acquistare viaggi per la terra attualmente terremotata dedicata ai necrofili.
Chiaramente e direi anche per fortuna qualche utente ancora sano di mente è riuscito tuttavia ha segnalare in tempo il giro di link avuto da quest’ultimo riuscendolo a bloccare in tempo.

Ma andiamo per ordine: pare che il link in questione,sconcertante all’inverso simile,fosse solamente una “simpatica”(almeno a detta dei burloni di turno) trovata messa in atto soltanto per farsi qualche risata all’interno del social network stesso. Il macabro e di dubbio gusto link,girato solamente per qualche ora all’interno del social network,promuoveva dunque un link in cui era possibile acquistare viaggi per una settimana con il seguente slogan:
“Organizziamo viaggi per necrofili ad Haiti Date una scossa agli ormoni”.
Gli architetta tori del forum/blog,che avevano anche postato fotomontaggi di pessimo gusto con immagini che raffiguravano corpi in decomposizione e molto altro,hanno appellato dopo le polemiche il diritto allo scherzo e al grottesco. Replicando che si trattava solamente di un macabro  scherzo per  tirare su il morale dopo i tragici avvenimenti di questi giorni.
Ciò che comunque non si rifà ad un atto scherzoso sono i gruppi pro razzismo contro il popolo Haitiano che incitano addirittura alla sperimentazione umana utilizzando i sopravvissuti alla calamità naturale rimasti.
Che dire dunque: la rete e la comunicazione digitale continua a deluderci con messaggi che inneggiano al razzismo e ad informazioni completamente false nelle migliori delle ipotesi,quando quest’ultime non sfociano poi in fatti molto più gravi e riprovevoli come in questo caso.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest