Firefox 7: il panda rosso dimagrisce



Si può dire che non c’è il tempo di abituarsi a una release di Firefox, che Mozilla dopo poco ne pubblica un’altra.

Questa volta è la versione numero sette del browser del Panda Rosso (traduzione corretta di Firefox) che si ripromette di riguadagnare il terreno perduto dai rivali Chrome e Internet Explorer.

Ciò su cui questa volta ha puntato la casa madre è la velocità e il peso in termini di memoria RAM, una delle principali caratteristiche negative che, non appena uscì Chrome, portò molti utenti ad optare per il prodotto Google.
La nuova versione è quindi più leggera e veloce nell’avvio e, sempre legato alla velocità, è l’inserimento di un add-on per testare la velocità delle proprie applicazioni.

E’ stato migliorato Canvas, per permettere un miglior rendimento di HTML 5, che lentamente sta crescendo, anche se per ora in percentuali dello zero virgola.
Per migliorare l’esperienza dell’utente, è stato rivisitato il motore javascript, in modo da renderne più veloce il rendering.

Queste modifiche sono le principali, ma non le uniche. Attualmente Firefox si trova in una strana situazione. Nonostante sia stato il primo grande concorrente di Microsoft nel campo della navigazione web, si è fatto surclassare da altri avversari, soprattutto da Chrome, con una velocità imbarazzante.
Forse la politica delle release troppo ravvicinate non ha giovato alla qualità del prodotto.

Voci di corridoio sostengono che la casa se ne sia accorta e che nel futuro rilascerà i download con cadenze più distanti fra loro.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest