Gli elementi base per la creazione di una rete



Anche se il termine “rete” ha molte accezioni, possiamo definir¬la come un gruppo di due o più computer collegati. Se i compu¬ter sono collegati in rete è possibile scambiarsi file e condivide¬re periferiche quali modem, stampanti, unità nastro di backup, lettori di CD-ROM. Le reti possono essere locali o geografiche: quando si parla della rete situata in un’unica sede dell’azienda abbiamo una rete locale (LAN, Local Area Network). Se due reti situate in due sedi differenti sono collegate mediante servizi offerti da un Internet Service Provider (ISP) o tramite una linea dedicata fornita da una società telefonica, abbiamo anche – oltre a due reti locali – una rete WAN (Wide Area Network, detta anche rete geografica).

Ogni rete comprende
•    almeno due computer;
•    una scheda di rete (un dispositivo che permette al computer di colloquiare con la rete) su ogni computer (detta anche NIC, Network Interface Card);
•    un mezzo di collegamento, ovvero il cavo. Oggi esiste anche la possibilità di far comunicare i computer e le periferiche colle¬gati in rete senza cavo (in inglese, “wireless”);
•    un software di rete, normalmente già presente nei più comuni sistemi operativi quali Windows 9x, Windows NT/2000, Apple MacOS, Novell NetWare.
•    un ‘punto di aggregazione’, ovvero una ‘scatola’ per connette¬re tutti i cavi. In passato vi erano anche reti in cui il cavo di rete di ogni PC si collegava direttamente ad un altro PC: oggi invece le reti prevedono quasi sempre una struttura più effi¬ciente, che riunisce i cavi connessi ai PC in un unico punto. Questa ‘scatola intelligente’ cui si attaccano i cavi provenienti dai PC può essere un hub o uno switch.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest