Google Apps e Windows Live Domains a confronto



Google Apps e Windows Live Domains sono due servizi, rilasciati rispettivamente da Google e da Microsoft, che permettono ad un’azienda di potenziare l’area IT con i servizi di Google e di Microsoft, riducendo i costi IT e aumentando la produttività.

Google Apps e Windows Live Domains permettono ad un amministratore IT di creare account interni ad un’organizzazione, con dominio personalizzato per gli indirizzi e-mail: ciò significa che, nei servizi Gmail e Hotmail, è possibile utilizzare indirizzi e-mail con dominio personale.

Google Apps è disponibile in tre edizioni: Standard (gratuita), Business (a pagamento) ed Education (a pagamento). L’edizione Standard permette di creare sino a 10 account, le altre edizioni sono illimitate. All’amministratore viene offerto un pannello attraverso il quale è possibile aggiungere utenti, rinominarli, cambiare loro la password, disabilitarli, cancellarli, dotarli di privilegi amministrativi e, in generale, eseguire, per i propri utenti, azioni che, se estese all’intero sito Google, sarebbero compito dei dipendenti dell’azienda di Mountain View. L’amministratore è in grado, così, di amministrare dei servizi come se fossero gestiti in proprio, ma con il supporto di una piattaforma del calibro di Google.

Windows Live Domains è un servizio analogo a Google Apps, ma offerto da Microsoft e basato sulla piattaforma Windows Live. Rispetto a Google Apps, ha il vantaggio di essere completamente gratuita e di limitare a 500 il numero massimo di utenti registrabili per dominio. Tuttavia, sono minori le funzionalità di gestione degli utenti: non è possibile modificare la password di un account in caso di impossibilità di accesso da parte dell’utente, come non è possibile rinominare o assegnare privilegi di amministratore agli account.

Una volta comunicati i vantaggi e gli svantaggi dell’utilizzo di Google Apps e di Windows Live Domains, la scelta di uno dei servizi deve essere condizionata da determinati fattori come il numero di account da creare, il livello di controllo su di essi e il costo da pagare per usufruire del servizio.

A livello di funzionalità offerte per quanto concerne le applicazioni online, Google e Microsoft si mantengono più o meno alla pari. Di seguito vi è l’elenco degli applicativi online offerti dalle due aziende:

Programmi di produttività (elaboratore di testi, fogli di calcolo, …)

Google: Docs

Microsoft: Office Live

Servizi di posta elettronica

Google: Gmail

Microsoft: Hotmail

Servizi di messaggistica istantanea

Google: Talk

Microsoft: Messenger

Servizi di blogging

Google: Blogger

Microsoft: Windows Live Blog

Condivisione di fotografie

Google: Picasa Web Album

Microsoft: Condivisione foto di Windows Live

L’utilizzo di servizi Google Apps e Windows Live Domains permette di potenziare la propria infrastruttura IT, permettendo di unire ai propri servizi, quelli di Google e di Microsoft.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest