Google ATAP e Project ARA, lo smartphone modulare



Ora che il team Motorola ATAP si è staccato dal resto della compagnia, che è stata recentemente venduta a Lenovo, può mettersi al lavoro col resto del team di Google. Oggi sappiamo che il team ha cominciare ad aggiornare lo sviluppo dei suoi progetti. Come già sapete, quello dalla più forte risonanza mediatica è il concept chiamato ARA, quello smartphone modulare su cui sembra che Google ATAP concentrerà le sue forze quest’anno.

Project ARA è molto più che un sogno, e l’idea è così accattivante che è davvero difficile da ignorare. Chiaramente, perché abbia senso, richiede un’adozione a livello globale, e questo solo perché possa almeno competere con ciò che il mercato offre al momento ai consumatori. Per far fronte ai molti problemi che separano questo concept dal successo, Google ha annunciato che ci saranno tre diverse conferenze tutte dedicate a Project ARA, a partire da questa primavera. La prima sarà focalizzata sul rilascio di un Module Developer Kit.

L’idea dello smartphone modulare, insomma, è semplice quanto estremamente affascinante: volete aggiornare soltanto la fotocamera del vostro cellulare? Perfetto, potete farlo comprando il modulo relativo, e senza alcun bisogno di acquistare un nuovo cellulare. Ma questo, chiaramente, funziona soltanto se tutti i produttori sono in grado di produrre e mettere sul mercato moduli compatibili, offrendo così diverse opzioni per le singole caratteristiche.

È stato spiegato che ci si aspetta di vendere la base di Project Ara a 50$, con un semplice schermo e capacità Wi-Fi. Questa “base” potrà poi essere espansa a piacimento, con tutto quello che sarà disponibile nei negozi.
Voi cosa ne pensate?

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest