Google Chrome OS: alcune spiegazioni



20091126gcIl nuovo Google Chrome OS, il sistema operativo di Google per i computer, ha fatto molto parlare di se, ma non tutti sanno di preciso come funziona  che funzionalità offrirà.

Per prima cosa il codice sorgente di Chrome è aperto e disponibile agli sviluppatori, mentre il primo rilascio sarà disponibile prima della fine del 2010.

Prima di tutto vediamo quali sono le linee guida di Chrome:

  • leggerezza
  • velocità
  • sicurezza
  • look & feel simile a quello del browser Chrome
  • massima integrazione con il Web

Probabilmente non sarà rilasciato come pacchetto a se stante, ma solo assieme ad un dispositivo dove sarà installato (netbook o smartphone) e sarà disponibile per le architetture x86 e ARM. Quindi non potrà essere usato su un qualsiasi PC al posto di uno dei S.O. Windows di Microsoft.

Quasi certamente non supporterà dischi rigidi, ma soltanto quelli a stato solido, e tutti i dati saranno ospitati sui server di Google, senza la necessità di salvare localmente i propri dati.

Il WiFi sarà ovviamente supportato, meno probabili altri protocolli come il WiMax.

Il cuore di Chrome OS è un sistema Linux derivato da Debian, ma alleggerito e mantenuto il più snello possibile (infatti l’avvio dovrebbe metterci circa 7 secondi).

Le applicazioni risiederanno nel browser e quindi non ci sarà necessità di installare localmente dei programmi, se non applicativi (a questo punto mi verrebbe da dire che saranno più dei widget) per sfruttare le funzionalità offerte online.

Ovviamente si userà Google Mail per la email, le Google Apps per creare documenti, le Google Maps per navigare e cosi via.

Sarà un tragitto lungo, ma forse siamo ad una svolta culturale nel campo dei computer, dove si cercherà di alleggerire i Personal Computer e di potenziare i server della rete per gestire la massa delle informazioni.

Siamo pronti a testare anche questo nuovo prodotto di Google !

aBellina (www.abspace.it)

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • trabbo

    se no mi sbaglio è già stata lasciata una versione di prova anke sul sito di Google.

Pinterest