Google deve risarcire Mediaset per il Grande Fratello su Youtube. BigG cerca l’accordo



20091219youtube2Il Tribunale di Roma ha imposto a Google l’obbligo di rimuovere tutti i contenuti che contengano immagini statiche o dinamiche della trasmissione, sia estratti del programma e i servizi giornalistici che le clip create dagli utenti di Youtube. Inoltre Mediaset ha chiesto come risarcimento 10.000 euro per ogni minuto dei 542 pubblicati su Youtube riguardo il Grande Fratello 9 e altri 10.000 euro per ogni giorno di ritardo verso la rimozione dei contenuti.

Alla sentenza, che può essere paragonata ad una pietra miliare per il riconoscimento del diritto d’autore nel nostro Paese, anche nel caso in cui i server di fatto non risiedono in Italia, BigG ha reagito inviando una lettera a tutti i deputati italiani, molti dei quali fanno anche parte dell’Intergruppo Parlamentare 2.0, finanziato proprio dall’azienda americana, appellandosi al fatto che Youtube non è un organo editoriale ma un hosting service provider, regolato quindi dalla Direttiva sul Commercio Elettronico.

In base a questo, la legge europea e italiana solleva YouTube dalla responsabilità riguardo i contenuti caricati dagli utenti sulla piattaforma.

Inoltre, si legge nella comunicazione, “YouTube va al di la’ di quanto previsto dalla legge offrendo ai detentori dei diritti strumenti efficaci per gestire se e come i loro contenuti debbano essere resi disponibili. Si tratta in particolare di un programma chiamato Content Id che oltre 1.000 broadcaster partner di Google, tra cui RAI e Fox Channels Italy, hanno scelto di utilizzare. Mediaset potrebbe semplicemente unirsi a questi altri partner e utilizzare questi strumenti. Oppure, in alternativa, basterebbe che segnalasse a YouTube le URL dei video e YouTube provvederebbe alla loro rimozione.”

La società californiana cerca quindi un accordo, lontano dalle aule dei tribunali.

A mediaset, conviene assecondare Google, come hanno fatto RAI e Fox Channels o perseverare nella sua richiesta di risarcimento danni?

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • Una sentenza che parte dai soliti preconcetti all’italiana nei confronti di internet. Le due aziende dovrebbero lavorare assieme, piuttosto: e poi il punto di vista di BigG è molto più chiaro di quello dell’azienda italiana… che invece vorrebbe solo lucrare sulla sentenza.

    Youtube per me non ha alcuna colpa nei confronti di Mediaset, anzi gli ha pure procurato dei clienti, secondo me…

Pinterest