Google: inserzioni di farmacie illegali online, 500 milioni di dollari di multa



500 milioni di dollari: questa è la sanzione pecuniaria decisa dal DOJ (Department Of Justice) statunitense, che l’azienda Google dovrà pagare, a causa della diffusione di pubblicità illegali sul suo circuito pubblicitario AdWords, relative a delle farmacie online. La sanzione è stata calcolata sulla base dei ricavi di Google e delle suddette farmacie.

La pubblicità di farmacie online avviene solitamente attraverso modalità illecite, come lo spamming: questo perché, molto spesso, tali farmacie offrono servizi illegalmente, permettendo di acquistare farmaci con obbligo di ricetta medica, senza in realtà richiederla. Solitamente tali pubblicità non vengono accettate nei circuiti pubblicitari, eppure sono riuscite a non essere individuate dai sofisticati algoritmi di Google.

L’indagine della procura statunitense è iniziata a Maggio, ed ha confermato che sul circuito pubblicitario Google AdWords sono stati diffusi annunci di farmacie online canadesi, relativi all’acquisto online di farmaci senza richiedere ricette mediche. Tra i prodotti pubblicizzati vi sono stati farmaci antipanico basati sull’Ossicodone (Oxycodin) e stimolanti a base di Metilfenidato (Ritalin).

Google ha rimodellato i meccanismi di sicurezza relativi agli annunci di vendita di farmaci online, in ogni caso, come annunciato dal legale dell’azienda, Michael Zwibelman, gli inserzionisti che offrono servizi illeciti cercano sempre di by-passare gli algoritmi di Google e, a volte, ci riescono.

Il legale di Google, Michael Zwibelman, ha pubblicato un articolo sul blog ufficiale di Google, relativo al fatto accaduto.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest