Google: verso il motore di ricerca semantico



E’ da sempre considerata come il “futuro dei motori di ricerca”: l’introduzione di funzionalità semantiche. Finora i motori di ricerca semantici sono elementi di prova nei laboratori, e vi sono anche alcune aziende che hanno sviluppato prototipi di motori di ricerca semantici. Per esempio, la Wolfram Research (società che ha sviluppato Mathematica, programma diffuso in ambito scientifico e scolastico) ha rilasciato il suo motore di ricerca semantico e basato anche su Mathematica stesso, WolframApha.

 

 

Ad ogni modo, i motori di ricerca più utilizzati sono ancora ben lontani dall’offerta di un servizio semantico, ed in generale la semantica applicata ai motori di ricerca non risulta ancora del tutto sviluppata (non a caso i motori di ricerca semantici sono considerati un elemento futuro del Web). Eppure i motori di ricerca più utilizzati non stanno sottovalutando l’idea. Bing di Microsoft aveva già fiutato l’idea, ed adesso anche Google la sta valutando. Il motore di ricerca made in Mountain View permetterebbe quindi, in un prossimo futuro, oltre a cercare per parole chiave, anche ad ottenere risposte alle proprie domande grazie a tabelle mantenute dall’azienda.

 

Le anticipazioni su questa idea sono state fornite da Wall Street Journal. Se oltre a mantenere un database enorme di dati, Google unisse anche altri suoi servizi (per esempio Google Libri e tutti i prodotti dove gli utenti scrivono qualcosa), arriverebbe ad avere già all’inizio tutte le risorse per rilasciare il suo motore semantico, che cercando in tutto il database dell’infrastruttura Google (ovviamente per una simile idea dovrebbe essere messa a disposizione molta potenza di calcolo), risponde direttamente alle domande degli utenti.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest