Guadagnare con foto e/o immagini: Dreamstime parte 1 – iscrizione ed upload



Al giorno d’oggi, con la forte crisi in atto a livello mondiale, è sempre più sentito il bisogno di trovare un guadagno alternativo a quello fornito dal lavoro quotidiano oppure un vero e proprio lavoro fatto con le proprie forze e conoscenze sfruttando le enormi potenzialità che ci offre il WEB.

Stiamo parlando del telelavoro in tutte le sue più ampie espressioni.

Negli anni sono nate tantissime agenzie online di photostock; tra queste vi parlerò in questo articolo di uno dei leader mondiali nel settore:

Logo dreamstime

Una premessa importantissima: non c’è nulla da pagare a meno che non si voglia acquistare immagini invece di venderle (meglio chiarire viste le tantissime fregature, sotto il nome di telelavoro, in giro per il WEB).

Il sito è di base in lingua inglese ma oramai da qualche tempo è possibile scegliere fra diverse lingue fra cui l’Italiano.

Per iniziare a vendere e/o comprare immagini è d’uopo l’iscrizione al seguente indirizzo di Dreamstime.

L’iscrizione è abbastanza semplice ed autoesplicativa. Una volta iscritti si devono iniziare a caricare foto e/o immagini rispettando alcune caratteristiche principali:

  1. si deve avere la proprietà intellettuale delle immagini caricate;
  2. le immagini non devono raffigurare persone in primo piano o facilmente riconoscibili se non si ha disposizione una liberatoria firmata da queste persone (i modelli delle liberatorie sono scaricabili gratuitamente dal sito);
  3. le immagini devono essere di dimensioni minime di 3 Megapixels (ma per raggiungere dei buoni risultati di vendita è consigliabile caricare immagini di dimensioni maggiori intorno ai 10 Megapixels per esempio);
  4. l’invio delle immagini può essere effettuato in 2 modi diversi: direttamente dal sito un’immagine alla volta oppure tramite client FTP con parametri di configurazione presenti nel proprio profilo di Dreamstime;
  5. una volta caricate, le immagini devono essere completate fornendogli un titolo, una breve descrizione, le categorie di appartenenza (fino ad un massimo di 3) e le paroli chiavi (massimo 80) quest’ultime fondamentali per la ricerca per cui bisogna porre particolare attenzione alla loro scelta. Se la foto rappresenta un particolare evento si può anche decidere di venderla come immagine editoriale inserendo nell’apposito spazio un commento per il redattore; questa clausola permette di inserire foto raffiguranti personalità di spicco senza aver bisogno della liberatoria firmata: ovviamente tale immagine potrà essere utilizzata da chi la compra solo per articoli editoriali;
  6. Infine come ultimo step bisogna scegliere le licenze di vendita delle proprie immagini.

A questo punto le immagini passano tra i file in attesa (pending files in inglese) di giudizio da parte dei revisori di Dreamstime. Tale giudizio può variare fra i 5/7 giorni a seconda del carico e considerando che nei week end non lavorano.

Nel prossimo articolo parleremo più approfonditamente sul tipo di licenza e sulle modalità per ottimizzare la propria visibilità e le proprie vendite su Dreamstime.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • Pingback: safelistitaly.com()

Pinterest