Guida al Pascal: #1 Struttura principale



Lezioni precendenti:
Introduzione

Lezione numero 1 – #1: Struttura principale
Le parti principali di un programma scritto in linguaggio Pascal sono il nome del programma, l’inizio e la fine, oltre questi si possono aggiungere altre parti che fanno comunque parte di un programma, come variabili, costanti, librerie…

– Il nome del programma:
In linguaggio Pascal il nome del programma bisogna essere dichiarato nel seguente modo:

Program nome_programma;

E’ il primo comando che va dichiarato, si ricordi che se il nome è composto da più lettere e/o parole bisogna inserire tra una lettera/parola e l’altra il seguente carattere: “_”.
A fine istruzione ricordatevi il “;”.

– La dichiarazione di variabili, costanti e tipi:
I tipi si consiglia di dichiararli prima di variabili e costanti, perchè infatti potrebbero essere usati in essi.
Il comando per dichiarare un tipo in linguaggio Pascal è il seguente:

Type

Sotto di questo comando si possono dichiarare vari tipi (ne parleremo nella prossima lezione).

Le costanti vanno dichiarate dopo i tipi e prima delle variabili, e si dichiarano nel seguente modo:

Const

Sotto il comando const vanno dichiarate le varie costanti (ne parleremo nella prossima lezione).

Le variabili vanno dichiarate dopo i tipi e dopo le constanti, e si dichiarano nel seguente modo:

Var

Sotto il comando var come al solito vanno dichiarate le varie variabili (ne parleremo nella prossima lezione).

Le librerie invece devono essere richiamate sotto il seguente comando:

Uses

La libreria che in genere viene molto utilizzata è la libreria crt, per utilizzarla bisogna scrivere:

uses crt;

La libreria crt in genere può essere richiamata per esempio per ripulire lo schermo di un programma con il seguente comando:

clrscr;

– Inizio e fine di un programma:

Il comando per iniziare un programma è:

Begin

Il comando per terminare un programma è:

End.

Attenzione non inserire mai end. dentro il programma princiaple, perchè il “.” sta ad indicare la fine del programma, e le istruzione successive non verranno controllate, se invece è il caso di utilizzare un end dentro il programma al posto del “.” si utilizza il solito “;”.

Pascal

Deriu Gianmario – Hardware & Software

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest