HTC: il vecchio libro fornisce nuove idee per gli smartphone



20100415aperturalibroHTC ha registrato un nuovo brevetto per un dispositivo con apertura a libro per cellulari (più precisamente per smartphone).
Le due pagine del libro sono costituite da due pannelli LCD apribili a 180 gradi rendendo quindi il cellulare simile ad un libro e come tale potrebbe essere ideale per la lettura di eBook.

Esistono già dispositivi con una apertura a libro, ma caratterizzati da un pannello LCD e da una tastiera fisica QWERTY.

In questo caso uno dei due schermi potrà, a richiesta, per esempio durante la creazione di email, diventare una tastiera virtuale lasciando l’altro completamente disponibile per presentare le informazioni.


Inoltre, se immaginiamo una superficie di 3,5 pollici per ciascun schermo arriviamo a circa 7 pollici totali e quindi ci avviciniamo alla dimensione video di un tablet o di un mini-netbook.

Il fatto che HTC abbia registrato il brevetto è sicuramente propedeutico alla presentazione di un dispositivo che utilizza questo sistema.

Il sistema Operativo a libro

20100415htcvirtualbookHTC ha brevettato anche un nuovo sistema chiamato Virtual book.
Solitamente nelle interfacce grafiche utilizziamo un sistema di finestre che presentano delle icone che ci consentono di attivare il relativo programma o funzionalità.
Con virtual book, si sfoglia questo libro virtuale per andare avanti o
dietro le pagine, cioè entrare o uscire dei programmi.
Per fare un esempio facile per cancellare un file si potrà accartocciare la pagina e gettarla via.
Probabilmente Virtual book sarà inserito in un prossimo aggiornamento di ToucFlo 3D.

Insomma il vecchio e caro libro offre idee ai dispositivi che, secondo alcuni, dovrebbero affossarlo.

Il mondo degli smartphone è sempre in fermento per offrire nuove funzionalità, saranno poi gli utenti a promuovere o bocciare le novità.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest