I bollini grigi e gold per la qualità delle tecnologie del digitale terrestre



Il digitale terrestre in Italia
Il digitale terrestre in Italia

Due nuovi bollini certificheranno la qualità delle tecnologie per l’accesso al digitale terrestre: vedremo presto sul mercato il bollino grigio, per i decoder “zapper” ed il bollino gold, per televisioni e decoder in HD, insieme ai più noti bollini blu e bianchi, rispettivamente per decoder interattivi e per le televisioni con decoder integrato.

L’Associazione DGTVi per la promozione della televisione digitale terrestre in Italia, ha promosso questa nuova iniziativa includendo tra i prodotti “sotto osservazione” strumenti di largo consumo e ad altri di alta tecnologia. L’iniziativa permette di riconoscere attraverso il marchietto colorato gli strumenti che rispettano gli standard di qualità DGTVi, collaudati dai laboratori delle aziende associate.

Che cosa sono nel dettaglio le nuove tecnologie approvate attraverso i bollini di qualità? Il bollino grigio contrassegnerà i decoder di tipo “zapper”, strumenti più semplici ed economici dei decoder interattivi, che permettono esclusivamente la ricezione delle reti del digitale terrestre. Sarà invece contrassegnata dal bollino gold l’Alta Definizione, sia per i decoder che per le televisioni: in questo caso, DGTVi si avvale della collaborazione dell’Associazione HD Forum Italia.

Andrea Ambrogetti, Presidente di DGTVi, ha affermato che “L’impegno di DGTVi, in collaborazione con le aziende manifatturiere che finora hanno condiviso l’iniziativa del bollino, è di tenere alto il livello qualitativo dei sintonizzatori digitali terrestri, sia decoder che tv integrati, nel nostro Paese”. Continuando sul tema della qualità, Ambrogetti ha dichiarato che “Si tratta principalmente di un beneficio per il cittadino italiano che avrà, a differenza di altri Paesi europei, prodotti tecnicamente più evoluti che permettono lo sviluppo di una televisione digitale terrestre più ricca di servizi, quali l’ordinamento automatico dei canali e la guida elettronica ai programmi, e di interattività”.

“Attenzione ai decoder per la televisione digitale terrestre a poco prezzo e di scarsa qualità: il Ministero dello sviluppo economico vigilerà e saremo molto rigidi”, afferma Paolo Romani, Viceministro alle Comunicazioni.

L’Associazione DGTVi sarà per tutto l’anno presente anche con eventi sul territorio per informare i cittadini del passaggio al digitale terrestre. In occasione dello switch-off analogico, lo spegnimento della tv tradizionale e l’ingresso del Piemonte Occidentale nell’era del digitale terrestre, DGTVi collaborerà alla “TV edition” di CineShow, a Torino nei giorni dello switch-off, dal 18 al 20 settembre 2009. Anche in questa occasione l’attenzione si concentrerà sulle nuove tecnologie digitali e sull’offerta delle nuove reti.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • Federico

    Appena esce credo che prenderò il TS7900 della TELE System ( http://www.telesystem-world.com/web/it_it/electronic/news/51/il-nuovo-decoder-digitale-terrestre-hd.html ), mi sembra un ottimo decoder, non si parla ancora di bollino perchè, a quanto ho sentito, quelli del DGTVi sono un po indietro con la definizione delle specifiche.

Pinterest