I contest SEO sono illuminanti



Da quattro settimane ormai, nel mondo SEO, non si parla d’altro.

Questo contest sta facendo impazzire, letteralmente le SERP di Google.

Nel momento in cui scrivo ci sono oltre 750.000 link per la ricerca instantempo ( la parola chiave del contest SEO in questione).

Ma la cosa più importante è che questa gara stà insegnando qullo che davvero funziona oggi per posizionare un sito o una pagina web sul motore di ricerca Google.

Vediamo insomma quali sono le considerazioni più importanti:

1) Il nome del dominio permette di assorbire più facilmente i back link. Infatti tutti i siti che hanno nel nome del dominio la prola chiave instantempo anche ricevendo migliaia di link non sono stati bannati nè penalizzati per spam.

2) Google non sa leggere l’effettiva data dei post. Infatti molti blog ben posizionati sulle SERP sono pieni zeppi di post con date del 2008 e 2009 con domini che sono stati acquistati ad ottobre 2010

3) I back link la fanno da padrona. Infatti il primo della classifica ha ricevuto la bellezza di 40.000 back link.

4) Meglio un blog verticale. Quando si vuole posizionare una pagina per una specifica parola chiave, meglio un blog verticale su quella parola chiave che una pagina di un sito che parla anche di altro.

Queste considerazioni possono essere molto utili a i SEO.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest