I giochi dell’infanzia. Gli AbandonWare



Quanti di voi ricordano le giornate, o meglio ancora le nottate trascorse a giocare a Utopia o al primo mitico e indimenticabile Grand Theft Auto? Per tutti coloro che hanno voglia di rigiocarci e perchè no anche per coloro che hanno voglia di vedere a cosa giocavano i primi video-gamers c’è una parola sola. AbandonWare. Con questo termine si intendono tutti quei giochi usciti di produzione e abbandonati dal produttore, su questi giochi decadono tutti i diritti dei produttori e sono perciò liberamente condivisibili. In rete si trovano una miriade di siti raccolta di questi giochi che consentono di scaricare i nostri preferiti. Vediamo di capire meglio perchè questi giochi di colpo diventano gratuiti e liberi. Vediamo la definizione presente su www.sitosenzanome.it:

Definizione di Abandonware

Per Abandonware si intendono tutti quei Titoli, sia Videogiochi che Applicazioni, per PC, MAC, Amiga, C64, Apple ed altri Home Computer (escluse Console) che:

1. siano più vecchi di 5 anni;
2. non siano attualmente distribuiti dalle Software House produttrici o da altre Società (alle quali hanno ceduto i loro Diritti). Quando certi Abandonware ritornano in commercio cessano immediatamente di essere tali;
3. non siano più supportati dalle Software House produttrici o da altre Società (alle quali hanno ceduto i loro Diritti);
4. non siano stati espressamente definiti dalle Software House produttrici o da altre Società (alle quali hanno ceduto i loro Diritti o che gestiscono i loro interessi) come titoli NON Abandonware nonostante rientrino nei 3 punti precedenti.

Leggendo la definizione possiamo subito capire che non basta che un gioco sia vecchio per diventare gratuito, inoltre è ancora in corso un dibattito sulla legalità di tali giochi, poichè per la legge il copyright appartiene all’autore dell’opera fino a 50 anni dopo la sua morte oppure fino a 75 anni dalla creazione se appartiene ad un’azienda. In attesa di sviluppi più chiari è possibile fruire di questi “fossili” dei videogame che hanno ancora molto divertimento da portare.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest