I misteri dell’iPad che Apple nasconde



La presentazione del nuovo iPad Apple non ha di certo riscosso il consueto successo ottenuto dai prodotti della casa della mela.

Molti hanno criticato non solo la mancanza di vera innovazione nell’iPad, ma anche l’assenza di elementi dati per scontati come una videocamera o il multitasking.

Ma siamo proprio sicuri che questi elementi siano assenti dall’Apple iPad? O Apple ci nasconde qualcosa sull’iPad?

misteri-ipad-apple

Misteri dell’iPad scoperti

L’attuale software dell’iPhone OS 3.2 contiene già il supporto per le videochiamate per cui sembra per ora mancare solo il dispositivo hardware. Non solo, è possibile effettuare una videochiamata a schermo intero o in una porzione di schermo, lasciando così intendere che nel frattempo sia possibile fare altre cose, il multitasking appunto.

Del resto esiste già la possibilità di operare in multitasking con l’iPhone grazie ad apps disponibili però solo nel circuito non ufficiale del jailbreaking. Basterà quindi aspettare che anche l’iPad venga crackato per poter avere questa funzionalità.

E non è finita. L’attuale OS 3.2 supporta il download dei files e la possibilità di salvarli per essere utilizzati da altre applicazioni.

Ma la cosa più sensazionale per il futuro è che nell’attuale sistema operativo dell’iPhone e dell’iPad esiste già un dispositivo di riconoscimento della scrittura manuale. Certo in questo caso siamo ancora in fase di studio per un servizio futuribile.

Quel che è certo è che Apple sembra aver nascosto qualcosa durante la presentazione dell’iPad. Sono molti che pensano che si sia scelto di partire con una soluzione poco innovativa per poter poi migliorare l’iPad con applicazioni già oggi possibili e ovviamente lanciate da ulteriori presentazioni mondiali davanti ai media. Inoltre tutto questo non fa che accrescere la curiosità per la prossima release del software, la versione iPhone 4.0. Che cosa di tutto quanto già indicato sarà lanciato? E cosa di veramente nuovo si presenterà?

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest