I responsabili dell’attacco hacker. E i motivi.



Cominciano a trapelare nuove informazioni sul devastante attacco che ha messo in ginocchio gran parte dei social network di massa.

Inizialmente, si era pensata a una prova di forza, a una vendetta tra hackers.

Negli ultimi minuti sta venendo fuori uno scenario più oscuro ed esteso, riferito al conflitto tra Russia e Georgia.

Molte fonti, specialmente dagli stessi gestori dei domini attaccati, riportano che l’attacco doveva essere rivolto in particolare a uno specifico utente, Cyxymu (nome di una cittadina georgiana), iscritto con lo stesso nome a tutti i portali come Twitter, Facebook eccetera.

L’attacco, si è da poco appreso, sarebbe partito dall’Abkhazia, la regione contesa tra le due nazioni, e quindi avrebbe una matrice filo-russa, per far tacere la voce dell’utente georgiano, che evidentemente stava esprimendo da tempo idee non gradite.

L’attacco Ddos ha però messo in crisi il sistema in tutto il mondo, e ora ci sono i particolari. Sono stait inviati milioni di messaggi spam con il link dei profili di quel malcapitato utente. Cliccandoli, centinaia di migliaia di utenti hanno contribuito a far cadere e mandare offline Twitter, sovraccaricato, e danneggiare Facebook, LiveJournal e Google.

Saranno stati quindi dei cittadini russi a causare il disastro in rete?

Attendiamo sviluppi.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • si, a dare la notizia un responsabile di facebook ieri: http://www.mondoinformatico.info/google-e-lultima-vittima-degli-attacchi-online-dopo-facebook-e-twitter_post-19057.html

  • Ora si ipotizza un coinvolgimento proprio del Cremlino. La faccenda è più grave del previsto.

  • mo’ so hazzi! :-)

  • morphxt

    boh!

Pinterest