I segreti di Google Drive



Il nuovo Google Drive presto sarà rilasciato al pubblico, sicuramente in questo mese di aprile. In attesa che tutti gli utenti possano provare il nuovo servizio di archiviazione dati, da molti considerato come una vera e propria forma di concorrenza a DropBox, è possibile fornire qualche dettaglio in merito al nuovo servizio.

Google Drive? Esisteva già.

In un certo senso Google Drive esisteva già in passato, anche se veniva utilizzato solamente all’interno dell’azienda. Anche Gmail è il porting di un prodotto utilizzato all’interno dell’azienda tempo fa, Google Caribou (e non a caso, la parola “Caribou” rimane in alcune aree di Google, come per esempio, nel link che consente di rimuovere il servizio Gmail dal proprio account). Drive è invece il porting di un prodotto noto come Platypus. E non a caso, “Platypus” è il nome in codice di Drive.

Google utilizza PHP.

Che Google utilizzasse anche PHP tra i linguaggi di programmazione era già noto. Nella intranet aziendale non è raro trovare delle vere e proprie pagine con estensione .php (su Internet si possono anche trovare screenshot e link di log referral aventi pagine con estension PHP). Nel caso di Google Drive, nel dominio drive.google.com si può notare, come da immagine, la presenza di pagine in PHP della piattaforma ZeroBoard XpressEngine, un CMS probabilmente installato agli albori del servizio per creare un ambiente di collaborazione tra i dipendenti direttamente sul dominio. Le pagine in questione sono tuttavia indicizzate su Google.

Screenshot

Qui sotto sono disponibili alcuni screenshot diffusi su Internet e riguardanti Platypus e Drive.








Osservazioni: il dominio Writely della seconda immagine riguarda Google Docs, ed infatti Google Docs ha come nome in codice proprio Writely, ed il sito reindirizza proprio a Docs. Non a caso, Drive condivide molte caratteristiche con Docs. Ciò lascia comunque comprendere come dietro a Google Drive vi siano in realtà anni e anni di attesa, anche se il servizio viene rilasciato ora.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • Ti sei dimenticato il file robots! :)

    https://drive.google.com/robots.txt

    Sempre segnalazione di Alessio Ganci fatta in un altro post.

  • Giusto. Il file robots.txt mostra alcune pagine di Google Drive ed è accessibile da chiunque già da ora.

Pinterest