Il brevetto trova una nuova vite con l’iPhone



Mandare in assistenza l’iPhone può portare una nuova sorpresa: le viti brevettate di Apple.

Nuove particolari viti chiudono gli iPhone di nuova produzione, e chi manda in riparazione il proprio pare che lo vedrà tornare con queste nuove al posto delle vecchie.

La novità sta nel fatto che per svitarle è necessario un particolare attrezzo, un cacciavite che solamente i rivenditori autorizzati Apple possiedono.

Ciò limita in modo drastico la possibilità per gli utenti di aprire il cellulare, necessità che con l’iPhone è fondamentale anche soltanto per cambiare la batteria.

La testa delle nuove viti ha infatti una forma personalizzata e brevettata da Apple, e quindi gli attrezzi normali non servono a molto.

La novità sembra essere fresca, circola da pochi giorni.

Si stima che la batteria del “melafonino” duri meno di 500 cicli di ricarica, in media.

Chi deve cambiare la batteria dovrà ora rivolgersi ad un centro assistenza della Apple, che a quanto pare sostituirà la batteria esausta alla cifra di 79€.

La batteria dell’iPhone si trova in vendita a solitamente attorno ai 30 euro. Va detto che la sostituzione richiede manualità, anche se le viti permettessero di aprire l’iPhone.

Non basta, infatti Apple offre comunque la possibilità di acquistare il prezioso arnese per aprire l’iPhone, ovvero il cacciaviti di tipo pentalobo, per 40 dollari.

La strategia di Apple è già ben nota in altri settori, però nulla del genere, almeno fino a questo punto, si era mai visto nel campo dei telefonini. Ovviamente Apple può scegliere la propria strategia come meglio crede, purchè rispetti le regole, ma anche i consumatori fanno le proprie scelte liberamente.

E la scelta di integrare la batteria all’interno del dispositivo andava forse fin dall’inizio in questa direzione. Ora con le viti brevettate il controllo totale di ogni parte dell’iPhone si va sempre più delineando.

La sostituzione della batteria avverrebbe comunque gratis se l’apparecchio fosse ancora in garanzia, mentre costa 79$, come detto sopra, se non lo è più.

(Image by Idea go, Idea go’s portfolio: http://www.freedigitalphotos.net/images/view_photog.php?photogid=809).

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest