Il check-up del computer in 13 passi: passo 3



A volte premendo il pulsante di accensione le ventole girano, ma lo schermo resta buio. Se l’altoparlante del Pc emette un primo suono significa che la CPU è in grado di elaborare istruzioni, quindi bisogna passare alla verifica del passo successivo. Quando all’accensione la scheda madre produce una lunga sequenza di suoni, significa che la CPU è funzionante ma l’autotest della scheda madre ha individuato un’anomalia grave.

Anni fa  il significato dei suoni  era standardizzato e uguale per tutte le schede madri  equipaggiate con bios della stessa marca, ma oggi ogni costruttore adotta convenzioni diverse e quindi le tabelle di corrispondenza tra suoni e guasto reperibili su Internet e nella letteratura specializzata hanno perso significato. Se è necessario riparare un PC costruito prima del 2000, è comunque possibile fare affidamento sulle tabelle, che indicano anche le soluzioni più comuni. I produttori più attenti hanno sostituito i bit con una denuncia vocale in lingua inglese che a volte risulta però incomprensibile. In linea di massima, gli unici guasti su cui si può intervenire riguarda i moduli di memoria e la scheda grafica: spegnere i collegamenti e inserire a fondo nella sua sede la scheda grafica. Se il problema non si risolve spegnere pc e scollegare il cordone di alimentazione, smontare tutti moduli di memoria RAM tranne uno e riaccendere.

Se l’altoparlante non da segni di vita, verificare che il suo connettore sia inserito correttamente nei contatti della scheda madre: in genere la prese è marchiata spkr, e può esistere un ponticello per commutare tra il cicalino saldato sulla scheda madre e l’altoparlante esterno. Consultare il manuale della scheda madre in caso di dubbi. Quando il PC non produce nessun suono, nemmeno il Bip iniziale, ma le ventole girano e il l’alimentazione generale resta spenta, verificare se correttamente collegata alla scheda madre e in caso affermativo sostituire l’alimentatore, che non eroga una delle tensioni a più 3,3 o più 5 V oppure non genera il segnale power_good: in questo caso l’avvio iniziale della scheda madre è inibito fino a quando si preme manualmente il pulsante di reset.Alcune schede madri ad alte prestazioni,emettono suoni dell’autodiagnosi e mostrano la schermata del Bios con notevole ritardo, anche superiore a 2 min.

Se il PC da controllare non è il proprio, per evitare falsi allarmi è bene avere un po’ di pazienza prima di spegnere il pc ed eseguire le prove successive. Se la spia di alimentazione generale sul pannello frontale si accende, spegnere il PC, scollegare i cavi delle periferiche interne dai pettini sulla scheda madre e riaccendere: se ora lo schermo mostra i messaggi del Bios, significa che hard disk o lettore DVD sono guasti. Provate a collegarne uno alla volta, fino a individuare quello che blocca il PC. In alcune schede madri, il blocco si verifica anche se il cavo è danneggiato o inserito al contrario.Se  scollegando le periferiche la situazione non cambia, spegnere il pc ed estrarre la scheda grafica e tutti i modelli RAM. Riaccendere il PC: se l’altoparlante emette dei bip, rimontare i componenti fino a individuare quello guasto; se la situazione non cambia, la scheda madre è guasta o soggetta  a cortocircuiti: eseguire l’operazioni descritte a passo due.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest