Il check-up del computer in 13 passi : passo 8



A volte il sistema operativo si blocca anche tentando di avviare il PC in modalità provvisoria, mostrando una schermata blu con indicazione stopper, congelandosi sulla prima schermata di avvio o mostrando il  laconico messaggio ntldr mancante, impossibile avviare il sistema. Quando l’errore è di tipo stopper la causa è normalmente un guasto hardware ed è opportuno un disallineamento tra driver e l’hardware effettivamente presente.

Può apparire dopo aver sostituito la scheda madre o una periferica interna, oppure in seguito ad un guasto non individuato dalle continue  autodiagnosi del Bios che corrompe il contenuto della memoria. Per eliminarlo si possono seguire due strade: interpretare il messaggio e risalire all’esatta causa dell’errore, da correggere ricercando le procedure operative pubblicate in Internet, oppure avviare una reinstallazione del sistema operativo in modalità ripristino. La reinstallazione è normalmente la strada più rapida e sicura, e grazie la modalità ripristino si evita la noiosa installazione di programmi, utility e posta elettronica: quasi tutti i programmi, le preferenze e i documenti saranno conservati. Per installare Windows XP in questo modo è necessario avere un CD-ROM di installazione Microsoft; i CD-ROM creati dal costoso costruttore del PC e abbinati ad alcuni modelli di computer non sono utilizzabili perché eseguono la riformattazione dell’hard disk allo scopo di ripristinare l’intero contenuto del disco ai valori di fabbrica.

Dopo aver avviato il PC del CD-ROM di Windows, il setup chiederà una prima volta se è necessario eseguire il ripristino di Windows o una reinstallazione. Microsoft invita a scegliere la reinstallazione; In questa fase esiste appena infatti una finestra linea di comando usata dagli amministratori di sistema per il ripristino di specifiche anomalie. Il settaggio prosegue alla ricerca di copie di Windows esistenti sulla task: al termine chiederà nuovamente se si desidera ripetere l’installazione o eseguire il ripristino della versione di Windows esistente: qui bisogna scegliere la modalità di ripristino, e lasciare che la procedura automatica risolva  i conflitti di driver: durante la procedura verrà richiesta la product key di Windows, stampata sull’etichetta con ologramma Microsoft applicata al Pc. Dopo avere ripristinato il funzionamento, eseguire la funzione di aggiornamento per riapplicare le tecniche relative alla sicurezza. Se il ripristino di Windows non riesce a individuare un’installazione preesistente, la procedura è descritta  al passo successivo. Al termine della procedura le cartelle che contengono i propri file saranno probabilmente inaccessibili, poiché per il sistema l’utente ricreato dopo la reinstallazione è diverso dall’utente che esisteva prima dell’installazione.

 Per tornare alla normalità seguire questa procedura: selezionare le cartelle inaccessibili che contengono i propri file e scegliere proprietà del menù file. Portarsi sulla scheda protezione e premere il pulsante avanzate per richiamare la finestra dalle impostazioni avanzate di protezione. Scegliere la scheda proprietari, selezionare dall’elenco il proprio account e mettere il segno di spunta nella casella sostituisci proprietari in sotto categorie e oggetti. Premere applica estendere l’applicazione del criterio, quindi premere ok per chiudere la finestra. Durante l’installazione di Windows il computer potrebbe bloccarsi nuovamente con una schermata blu. La causa dell’errore iniziale è allora quasi certamente di natura hardware: in genere un modulo di memoria è guasto o non compatibile con la scheda madre, oppure l’hard disk è difettoso a caldo. Per diagnosticare i difetti dell’hard disk e che  causano il blocco immediato del pc è indispensabile scaricare da Internet il software diagnostico rilasciato dal costruttore del disco e chiaramente indicato nella sezione download  supporto del relativo sito Web. Una volta pronti per eseguire il diagnostico, copiare il contenuto dell’archivio scaricato  da Internet su un floppy disk o CD-ROM ampliabile seguendo le istruzioni allegate al software, scollegare eventuali hard disk aggiuntivi, inserire il floppy o CD nel lettore e avviare il PC per lanciare il programma. Scegliere la voce di menù che richiama il testo completo, e lasciare che per qualche ora il software diagnostici ogni difetto del disco analizzando a basso livello la scheda elettronica, la meccanica e le superfici magnetiche.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest