Il futuro dei videogiochi web: Chrome ospita Quake II



Una nuova espansione del web

Analizzando l’evoluzione del web si è potuto osservare come, a partire dagli anni 90, il web era semplicemente un paradigma statico di comunicazione dove l’informazione, non nel suo senso piu generale, era la priorità per gli utenti finali. Non era necessario possedere una linea veloce per l’accesso alla rete e il trasfermineto di contenuti comportavono piccoli trasferimenti di dati da server a client.Oggi, sia per l’evoluzione di determinati settori, che per necessità mutate nel tempo, l’informazione nel suo senso piu generale ha preso posto come l’aspetto prioritario che ogni utente,accedendo alla rete,vuole ottenere.

Nascono dunque linee veloci che permettono l’accesso a un web nuovo,in continua espansione e continuamente dinamico. Lo testimonia l’introduzione di applicazioni client/server che forniscono interattività al rapporto utente/rete web. Non ci debba sconvolgere dunque che il web è anche casa di semplici giochini realizzati in flash o con linguaggi come il PHP che ha permesso la creazione dei primi giochi MMORPG.

Non ci deve quindi sembrare bizzarra l’azione avanzata dagli ingegneri di Google, ossia il remaking di Quake II sul Web.

20100403quake_2_graphic_lg

Prima di Google….

Un primo tentativo era già stato fatto con Quake III, grazie all’aiuto di plugin grafici si era riuscito a  progettare un remake di un derivato del suddetto gioco. L’innovazione di Google è proprio questa: si da la possibilità all’utente di utilizzare un applicazione senza l’integrazione di alcun plugin grafico.

Esso viene sviluppato con le WebGL, le Canvas API, HTML 5 ,API per la memorizzazione locale, e le WebSocket.

Ramsdale stesso,ingegnere di Google, rimane colpito e comunica al mondo intero che sarà uno stupore generale vedere un gioco che lanciato interamente via web tocca i 30 frame per secondo su normali notebook, anche se c’è chi ha affermato che su altri dispoitivi si sono raggiunti valori ben piu elevati.

Che sarà l’inizio di una nuova era per il gioco sul web?

Sicuramente Google ha dimostrato che un browser non è un ambiente totalmente incapace di lanciare codice complicato come quello di Quake….
De Simone Salvatore

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest