Il software libero



Il software libero non è altre che un software che fornisce il permesso a chiunque di usarlo, copiarlo e redistribuirlo, originale, o anche dopo averlo modificato sia gratuitamente che a pagamento.

Il software libero è tale solo se viene messo a disposizione correlato dal codice sorgente.A questo proposito qualcuno disse:«se non è sorgente, non è software» (if it’s not source, it’s not software). È importante evidenziare che la «libertà» del software libero non è rinchiusa tanto nel prezzo, che può eventualmente essere richiesto per il servizio di chi distribuisce le copie, ma sta nella possibilità di utilizzarlo senza vincoli, di copiarlo come e quanto si vuole, di poter distribuirne le copie, di poterlo modificare e di poterne distribuire anche eventuali copie modificate.

Certe volte si preferisce utilizzare il termine «Open Source» per riferirsi al software libero nelle condizioni sopra descritte, per evitare qualche ambiguità nella lingua inglese. Nella nostra lingua si usa semplicemente la definizione «software libero».

Per chiamare il software “libero” bisogna soddisfare 4 condizioni:

  • deve essere possibile eseguire il programma per qualsiasi scopo
  • libertà di modificare il codice sorgente a proprio piacimento.
  • libertà di redistribuire il programma
  • Libertà di diffondere miglioramenti del programma ottenuti modificando il sorgente.
Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest