Il Suv delle videocamere



La similitudine che ho usato nel titolo suggerisce il carattare da “fuoristrada” della Xacti VPC-CA8, una videocamera digitale che unisce alla registrazione video nel formato AVC/H.264 su schede di memoria SD/SDHC, la possibilità di filmare in condizioni critiche, coiè sott’acqua fino alla profondita di 1,5 metri, ma anche in presenza di schizzi, vento, polvere e sabbia. Una videocamera estiva, dedicata agli appassionati di snorkeling, ovvero a chi ama nuotare in superficie con maschera e boccaglio per ammirare le bellezze dei nostri mari o di quelli esotici. Un camcorder che funziona anche come fotocamera da 8 megapixel effettivi, in grado di generare immagini di dimensioni massime pari a 3.264×2.448 pixel, spingendosi a 4.000×3.000 pixel mediante interpolazione.

Un carattere bivalente sottolineato dalla presenza di due pulsanti affiancati: l’uno per le immagini fisse, l’altro per avviare e arrestare le riprese. I video hanno la risoluzione VGA, 640×480 pixel, distante anni luce  dai valori che si raggiungono con le videocamere ad alta definizione (come la Xacti HD1000), ma sufficienti ad avere filmati di buona qualità. I risultati positivi sono dovuti anche all’uso del codec  AVC/H.264, derivato dell’MPEG-4 noto per l’ottimo rapporto qualità/spazio occupato. Un formato che però, per essere riprodotto sul PC, richieder QuickTime. Il framerate è di 60 fps, ma a meno di trovarsi in situazioni caratterizzate da rapidissimi movimenti dei soggetti inquadrati, è sufficiente riprendere a 30 fps per aumentare l’autonomia di registrazione. Va comunque considerato che il passaggio video dalla scheda di memoria al DVD, secondo il formato DVD-Video, forza il framerate a 25 fps.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest