In arrivo rete mobile super veloce con il 4G



Il progresso nella telefonia mobile non si ferma e, per dare un po’ di aria ai conti pubblici, il Governo ha messo all’asta (che, salvo problemi, dovrebbe essere in corso nel momento in cui si scrive questo articolo) le frequenze per le reti 4G.

Verranno quindi vendute, per circa 3 miliardi di euro secondo stime aggiornate, le frequenze 800, 1800, 2400 e 2600.

I partecipanti all’asta sono Vodafone, Telecom Italia, H3G e Wind. Postemobile non ha presentato alcuna offerta e Linkem si è ritirata.

Le buste sono state aperte ieri (30 agosto 2011) e l’asta è decisamente aperta. Gli 8 lotti della frequenza 800 sono i più ambiti (tutti i competitor hanno presentato offerte) e costosi e il loro prezzo si attesterà attorno ai 400 milioni di euro l’uno, dato che le offerto di base erano di circa 350 milioni.

La banda 1800 è stata richiesta solo da Telecom, la 2000 per ora non è stata chiesta da nessuno e la 2600 da H3g, Wind e Telecom.

Grazie a queste frequenze, rimaste libere dopo il passaggio al digitale terrestre, si potrà navigare in internet alla velocità di 100 megabit al secondo. I partecipanti garantiscono la copertura del servizio sul 20% del territorio nazionale entro un anno e del 40% entro due.

Il 10% del ricavato verrà speso dallo Stato per lo sviluppo della banda larga, creando si spera un ulteriore miglioramento ai servizi per i cittadini.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest