Incredibile ma vero : il re degli hacker sbattuto fuori da Facebook



Incredibile ma vero : il “re degli hacker”, Kevin Mitnick detto il “condor” (se non sapete chi è correte subito su Wikipedia ad informarvi), l’uomo che è riuscito ad entrare nei sistemi informatici considerati tra i più sicuri al mondo, è stato sbattuto fuori da Facebook.

Attenzione, però : prima di arrivare ad una conclusione sbagliata, leggetevi il seguito !
Mitnick, che è stato anche in carcere per le sue “scorribande” illegali nei network delle più grandi aziende mondiali, per diverse settimane non ha potuto accedere a Facebook perchè lo staff del “libro delle facce” lo aveva sospeso, non credendo si trattasse del vero Kevin Mitnick, in mezzo ad una miriade di falsi account.

Il vero Mitnick ha allora rilasciato una intervista ad un periodico americano per raccontare la sua situazione, che certo ha dell’assurdo :Proprio io che sono riuscito a spacciarmi per tante altre persone, non sono riuscito a provare a Facebook che sono veramente io !”.

Ovviamente, subito dopo aver letto il reportage, lo staff di Facebook ha riabilitato il “condor” all’utilizzo del suo account.

“Mi sono accorto che c’era qualcosa che non andava” – ha raccontato Mitnick ai giornali – “verso la fine di febbraio, quando non sono riuscito ad accedere a Facebook con il mio account. Ho mandato una email all’assistenza e mi hanno risposto che avevo violato i termini del servizio registrandomi con un falso nome. A quel punto ho mandato loro una nuova email utilizzando come account quello del mio posto di lavoro, per dimostrare loro che ero il vero Mitnick e non uno dei tanti falsi. Peccato che Facebook non accetti messaggi di posta da indirizzi diversi da quelli con i quali ci si è registrati ! A quel punto hanno smesso di rispondere ad ogni mia email”.

Lo staff di Facebook, contatto su questa vicenda, ha difeso strenuamente la sua posizione : “Siamo molto impegnati ad evitare che la gente si registri con nomi falsi, quindi qualche volta possiamo anche commettere un errore; è raro, ma può succedere”.

Questa notizia vi è stata offerta da Facebook News – Il Blog di Guidabook.com

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest