Iniziare a programmare:la guida



pcMolti di voi sicuramente si saranno sicuramente già  chiesti “ma come si fa a creare un programma come quelli che si vedono in bella vista sugli scafali dei negozi o dei centri commerciali o come la vasta gamma di software freeware ed open source che molti programmatori mettono al servizio della società senza un fine di lucro??”.

Se volete provare personalmente ad entrare in questo mondo e iniziare anche voi a “istruire il computer” dovete inanzitutto cercare di avere  a disposizione queste caratteristiche : tanta pazienza, perseveranza , passione ,costanza e tempo libero da dedicarvi…Se non disponete di tutti questi elementi vi consiglio subito di lasciar perdere perchè il vostro compito potrebbe diventare frustrante e inconcludente.

Programmare difatti,non significa solamente imparare uno dei tanti linguaggi di programmazione ,ma anche saperlo mettere in pratica ,scrivendo righe e righe di codice e non demoralizzarsi se il più delle volte il blocco di codice “non gira” e si perde dei gran  giorni a capirne il motivo.

Comunque se proprio siete decisi a provare ,inanzitutto dovete scegliere un linguaggio di programmazione da imparare..Il consiglio che mi sento di dare è,se volete farlo solo per passione a tempo perso,di impararne solo uno ma bene perchè già avrete il vostro bel filo da torcere.

I linguaggi di programmazione comprendono quelli  di basso livello,i più vicini al linguaggio binario delle macchine,i più difficili da imparare ma ,se vogliamo, i più completi e potenti se ben usati .

Il linguaggio più basso in assoluto è l’assembler , imparare questo linguaggio richiede veramente un impegno massimo e costante ma con esso tutto è permesso nel regno dell’informatica ,praticamente si può accedere a qualsiasi tipo di risorsa della macchina a proprio piacimento e sviluppare qualsiasi tipo di software,tuttavia NON è ASSOLUTAMENTE CONSIGLIATO a chi vuole iniziare ;salendo verso l’alto troviamo il C ,un linguaggio potente e robusto e forse il più usato in assoluto,moltissime apllicazioni e software sono sviluppati con questo linguaggio.

Molto simile è il C++ anch’esso molto usato.Un altro linguaggio da prendere in considerazione è JAVA ,potente e multipiattaforma ,tuttavia richiede il supporto della Java Virtual Machine sui dispositivi informatici,una piattaforma dove i software Java si appoggiano per funzionare ,inoltre,talvolta le applicazioni risultano un po pesanti in termini di risorse.

Se poi volete restare incollati ai sistemi Windows i linguaggi che si sviluppano sulla piattaforma .NET di Microsoft sono sicuramente tra i più semplici da imparare,inoltre Microsoft rende disponibile  Visual Studio(gratuita la versione express) una suite per programmare con questi linguaggi(i più appetibili a mio giudizio Visual Basic e C#)dove potrete realizzare i vostri progetti in modo semi-visuale e con l ‘aiuto del correttore di sintassi e dei vari suggerimenti che il programma fornisce in tempo reale per creare od allacciarvi agli oggetti.

Ovviamente i software in questione funzioneranno esclusivamente sui sistemi Microsoft completi di piattaforma e versione adeguata di .NET.

Se invece è internet il vostro obiettivo il linguaggio più semplice e flessibile ad ora risulta essere il PHP ,un linguaggio per i server   con cui potrete sviluppare applicazioni Web dove vengono elaborati dati in modo dinamico ,che vi permetterà di costruire portali , social network o forum interattivi.

Imparare il PHP non risulta difficilissimo e vi obbliga anche ad imparare l ‘HTML ,più che un linguaggio è definito un codice di formattazione di pagine Web ,molto semplice da imparare,esso è il “linguaggio”per realizzare siti Internet e implementato con il PHP vi permetterà di avere ottimi risultati.

Ovviamente esistono anche altri linguaggi di programmazione ,troverete traccia di essi compiendo delle ricerche su Internet ,per un infarinatura potete andare su html.it , ma alla fine ,qualunque linguaggio ci si accinge a studiare è bene inanzitutto acquistare qualche libro al riguardo e cominciare a farsene un idea su linguaggio e sintassi,cercate di scegliere sempre libri rivolti specificatamente a chi è alle prime armi , non troppo tecnici e che vi guidino passo passo anche nell’apprendimento pratico con un linguaggio il più semplice possibile ;

consigliato,inoltre,dopo una prima infarinatura mettersi davanti al pc e cominciare a mettere in pratica ciò che si apprende provando a scrivere qualche riga di codice semplice ed a farla girare,se avete una persona già capace o decidete di seguire dei corsi ancora meglio;

riguardo ai problemi specifici,che saranno molti e, a volte, vi porteranno via molto tempo e pazienza , cercate in internet nei forum specializzati chi ha problemi come il vostro come l’ha risolto oppure chiedete voi stessi,spesso,difatti, un utente  riesce a risolvere un problema nel codice e potrà esservi d’aiuto a superare il vostro,tuttavia non copiate semplicemente il codice di altri solo perchè “funziona” senza capirne il funzionamento,anzi studiateci sopra e cercate di risolvere il problema con del codice scritto da voi ; se avete degli amici con la stessa passione cercate di collaborare insieme ,il team è essenziale specie nello sviluppo di progetti grandi,e dove non arriva uno arriva l’altro e viceversa rendendovi il lavoro più divertente .

A questo punto, dovrete solo effettuare la vostra scelta sul linguaggio che più vi convince e munirvi di un editor per programmare (va bene anche il semplice Blocco Note di Windows ma,visto che la scelta non manca di software freeware vi consiglio un programma che sia specifico per fare ciò).

Buona fortuna.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • Ciao, i consigli che hai dato mi sembrano giusti, ma direi che l’assembler serve ora quasi esclusivamente per piccole routine ed i driver come del resto il c tramite DDK. Per essere produttivi con il C++ occorre qualche framework come ATL o MFC o simili. Inoltre vorrei dire che il C# è possibile utilizzarlo anche su Linux tramite Mono e Monodevelop e quindi lo consiglio ai principianti.

  • Io ho cominciato con Basic e nonostante sia un linguaggio semplice e poco evoluto (ma anche vecchiotto) mi ha permesso di capire ed imparare più agevolmente linguaggi più evoluti come Java, Python, Ruby, e così via. Il più è capire cosa vuol dire ragionare in modo logico, cioè come ragiona una macchina. Almeno questo è il mio pensiero.

Pinterest