Instagram chiarisce: “Non è nostra intenzione vendere le tue foto”



Dopo il putiferio che si è scatenato sul web in seguito alla notizia che Instagram avrebbe potuto vendere le foto postate dagli utenti per scopi pubblicitari, il cofondatore Kevin Systrom ha gettato acqua sul fuoco, dichiarando che non è loro intenzione usare gli scatti per la pubblicità.

Tuttavia, Instagram ha bisogno di generare introiti per tirare avanti e la pubblicità è una delle fonti di guadagno più redditizie; finora non sono mai apparsi banner pubblicitari nelle applicazioni di Instagram, anche per evitare di danneggiare l’esperienza utente.

Le modifiche dei termini d’uso relative alla pubblicità avrebbero dovuto diventare effettive a partire dal prossimo 16 gennaio, invece subiranno un’ulteriore revisione, cercando comunque di dare alle aziende la possibilità di promuovere il proprio account tramite la condivisione di alcuni dati degli utenti che seguono quella pagina.

Lo scorso settembre, Instagram è stato fagocitato da Facebook per più di 700 milioni di dollari.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest